SKELETAL REMAINS – Desolation Isolation

SKELETAL REMAINS – Desolation Isolation

 
Gruppo: Skeletal Remains
Titolo:  Desolation Isolation
Anno: 2011
Ristampa: 2012
Provenienza:  Germania
Etichetta: F.D.A. Rekotz
Contatti:

Facebook  Youtube  Bandcamp  Reverbnation  Last.fm

 
TRACKLIST

  1. Desolate Isolation
  2. Traumatic Existence
  3. Sub-Zero Termination
  4. Chronic Infection [cover Pestilence]
DURATA: 16:10
 

Quattro pezzi bastano a comprendere le intenzioni di una band? Io dico di sì e quelle degli americani Skeletal Remains sono chiare. I californiani, nei quali milita l'ascia dei Fueled By Fire Chris Monroy qui in veste anche di cantante, nel 2011 hanno pubblicato il demo "Desolation Isolation" che adesso è stato ristampato dalla F.D.A. Rekotz in versione cassetta limitata a sole centosessantasei copie.

Un quarto d'ora di musica che sembra per lo più devota all'old school death metal europeo, la zona olandese pare essere il riferimento più chiaro e non solo per la presenza della cover ottimamente interpretata di "Chronic Infection", contenuta in "Consuming Impulse" dei gloriosi Pestilence dell'era Van Drunen, è possibile notare infatti una certa affinità con la dutch band sia per ritmiche thrash che vocalmente da parte di Chris, proprio con la figura dello storico cantante stella di diamante degli Asphyx e degli Hail Of Bullets.

La matrice del suono in certi frangenti è talmente old da ricordare gli Slayer, vedasi "Traumatic Existence", come a voler rimarcare che le basi son le basi. Tornando in Europa non credo si possa ritenere un male che i brani siano in possesso di qualche punto in comune anche con quei Morgoth dei primi due ep "Resurrection Absurd", "Eternal Fall" e del primo album "Cursed" che annegarono troppo in fretta sparendo nel tentativo malriuscito di reinventarsi.

Un acquisto, sempre che arriviate a farne vostra una copia, consigliato agli old schooler incalliti e un nome, Skeletal Remains, da seguire in prospettiva futura, attendiamo quindi l'uscita di un album di debutto sperando confermino quantomeno le buone intenzioni mostrate in questo "Desolation Isolation".

Facebook Comments