SNEG – Sneg

 
Gruppo: Sneg
Titolo: Sneg
Anno: 2017
Provenienza: Svizzera
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Mesec
  2. Fading In The Rain
  3. Another Backstab
  4. Cold Prison
  5. Thrown Existence
  6. That Memory
  7. Self-Diagnosis
DURATA: 48:14
 

Riconosco la galleria in copertina. Conosco la montagna in cui è stata scavata come le mie tasche. Sono curioso. "Sneg" è la parola serba per «neve». Erro dunque? I tunnel, infine, si assomigliano tutti un po' e, dunque, anche in Serbia potrebbe essercene uno simile. No, Sneg proviene proprio dalla ora cosiddetta «Grande Bellinzona». Questo è il motivo principale per discutere un lavoro Depressive Black Metal, sottogenere da me solitamente evitato.

"Mesec" apre in modo greve ma energico il diario dell'ardua marcia attraverso la depressione del mastermind Sneg. L'avanzare a tratti glorioso dei riff si contrappone alla profonda malinconia servita su un letto di timide melodie. Quella malinconia ci accompagna come una possente zavorra incatenata al piede, frenando il nostro passo; il suo peso ci lascia immaginare quanto sarebbe fatale perdere l'equilibrio sui bordi di un lago. Il corposo suono di chitarra rende ancora più acuta l'esasperazione trasmessa da una personalità intenta a combattere, che vuole uscire dall'angusta bara in cui si sente sepolta viva. Questo conflitto interiore si manifesta in passaggi più pensierosi. Il loro scorrere resinoso sembra voler trasmettere all'ascoltatore il dolore provato, salvo arrestarsi prima di riuscirci realmente. "Self Diagnosis" chiude il cammino con una rassegnazione ormai incrinata dall'ego risoluto del musicista.

"Sneg" è un album molto personale, semplice, sincero e ispirato. Suggerisce all'ascoltatore — consapevolmente o non — le possibilità offerte da un frangente negativo, piuttosto di illustrarne i disagi.


Postilla: la valle in cui si trova il tunnel citato all'inizio ospita anche il lago naturale più giovane della Svizzera, quello di Orbello. Se lo visitaste in inverno, quando è gelato e coperto di neve, credereste di essere in Norvegia. Freddo e… neve: "Sneg".

Facebook Comments