SOLACIDE – Baptized In Disgust

SOLACIDE – Baptized In Disgust

 
Gruppo: Solacide
Titolo: Baptized In Disgust
Anno: 2009
Provenienza: Finlandia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Soundcloud  Youtube  Bandcamp  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Disgust
  2. Anymore
  3. God On Fire
DURATA: 18:30
 

I finnici Solacide con l'uscita dell'ep "Baptized In Disgust" dimostrano di essere una band a tutti gli effetti, una di quelle che le etichette dovrebbero tenere sott'occhio.

L'ascolto del loro ultimo "Baptized In Disgust" mostra una qualità nella scrittura e nella perizia tecnica personale — evoluta e che ha trovato le giuste chiavi per unire quella forte spinta progressiva innestata nei brani ai momenti più classicamente melodic black — superiori alla media. È una creatura che pesca da realtà come i Dark Funeral, ma che negli attimi di più largo respiro fa apparire soluzioni degne degli ultimi Enslaved.

I quasi venti minuti racchiusi in scaletta si lasciano ascoltare nella loro inventiva e pulizia sonora. Le tre tracce sono molto diverse fra loro, con "Anymore" che esalta la componente death scandinava, tendendo al black melodico. Sono indi "Disgust" e "God On Fire" a calzare in maniera più evidente al lato nero del suono, con degno risultato date le soluzioni azzeccate in fase di riffing, una solistica ben eseguita e uno spirito più marcatamente oscuro rispetto alla canzone posta fra loro.

La prova dietro al microfono è convincente, lo scream graffiato e a brevi tratti growl si pone in maniera adatta sui brani. La proposta, pur non essendo avanguardistica, gode di un approccio moderno e quindi relegata all'udito di ascoltatori che non siano prettamente fruitori di uscite di stampo ortodosso o che ricerchino solo dosi di grezzume, perché qui non ve n'é.

In attesa di veder prodotto un loro primo album, vi suggerisco di avvicinarvi a questi ragazzi anche solo per curiosità. Il fatto che si discostino dalla comune impostazione a clone, ormai strabusata in tutti i filoni del genere, è già un aspetto che li rende considerabili.

Facebook Comments