SOLUS – Solus | Aristocrazia Webzine

SOLUS – Solus

 
Gruppo: Solus
Titolo: Solus
Anno: 2015
Provenienza: Ungheria
Etichetta: Dark East Productions / Satanath Records / Metal Throne Productions
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Visszatérés
  2. Világok Közt Vándorló
  3. Elfeledett Utak
  4. Az Örök Körforgás
  5. Path Of Wisdom
  6. Lebegés
DURATA: 54:31
 

Negli ultimi tempi abbiamo vissuto una crescita del metallo made in Hungary, a indicare un ambiente sempre più variegato e consapevole (vengono in mente i Mabthera o gli Svoid). Solus è come sempre più frequente nell'underground black metal una one man band in cui il polistrumentista D (noto anche per il suo lavoro negli Earth Plague) si occupa sostanzialmente di tutto. Il progetto fu fondato nel 2006 e ha da allora pubblicato una serie di demo e split (spostandosi nel frattempo in Germania); qui siamo finalmente di fronte all'eponimo debutto sulla lunga distanza, stampato in poche centinaia di copie in collaborazione da Satanath Record, Dark East Productions e Metal Throne Productions.

Molto coerente il design della copertina (opera della giovane artista ungherese Bettina Fias), con un tronco nero su fondo dorato, i cui rami e radici si uniscono in una rappresentazione circolare e interdipendente dell'esistenza. Sei tracce molto diverse sia come struttura che come atmosfere, in cui D esplora varie facce del black metal contemporaneo: dalle interpretazioni più atmosferiche di "Visszatérés" all'aggressività di "Világok Közt Vándorló" e "Az Örök Körforgás", fino alla dimensione solenne di "Path Of Wisdom" (unica dal titolo inglese, e che forse avrebbe potuto essere accorciata un po') o l'approccio quasi cosmico di "Lebegés". 

Non sono propriamente un esperto di lingua ungherese, ma anche dai titoli si evincono la dimensione naturalistica e il concetto dell'eterno ciclo dell'universo suggerito dall'immagine di copertina. Il «viaggiatore tra i mondi» ("Világok Közt Vándorló") che si muove in territori musicali e concettuali molto diversi tra loro, sui «percorsi dimenticati» ("Elfeledett Utak") e la «strada della saggezza», concludendo il tragitto galleggiando o levitando ("Lebegés") verso un nuovo piano di conoscenza e simbiosi con il mondo.

Tutto sommato, la lunga durata non risulta eccessivamente pesante, visti i frequenti cambi di passo, e anche la produzione malvagia e quando serve zanzarosa contribuisce alla riuscita dell'effetto generale. Un bell'album d'esordio che mostra tanto, nonché un bel biglietto da visita per avvicinarsi al metal ungherese, è probabile che analizzeremo presto altri lavori di D sotto il nome Solus.