SORROWS PATH – Doom Philosophy

 
Gruppo: Sorrows Path
Titolo:  Doom Philosophy
Anno: 2014
Provenienza:  Grecia
Etichetta: Iron Shield Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Youtube  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. First Beam Of Darkness Into Light
  2. Tragedy
  3. A Dance With The Dead
  4. Brother Of Life
  5. Everything Can Change
  6. The King With A Crown Of Thorns
  7. The Venus And The Moon
  8. Epoasis
  9. Clouds Inside Me
  10. Darkness
  11. Damned (O)fish/L.S.D.
DURATA: 56:46
 

Sono trascorsi quattro anni dall'uscita di "The Rough Path Of Nihilism" e ora torniamo a parlarvi dei Sorrows Path, gruppo ellenico che ha rilasciato da poco la propria seconda prova sulla lunga distanza intitolata "Doom Philosophy". E se volessi essere tanto immediato quanto sintetico potrei semplicemente affermare che nulla è cambiato, ma che nel contempo tutto è migliorato e cresciuto ulteriormente rispetto al già ottimo debutto.

Il quartetto ateniese non ha minimamente deviato dal consolidato percorso intrapreso con il disco precedente e infatti, in tracce come "Tragedy", "The Venus And The Moon" e "Darkness", ritroviamo quello stesso Doom scuro e roccioso che aveva già fatto la fortuna di "The Rough Path Of Nihilism". L'album si snoda cadenzato, sicuro e arrembante tra sottili predisposizioni epiche, un riffing compatto e possente che evidenzia le influenze classiche dei Nostri (Solitude Aeturnus su tutti) e quella venatura proveniente da certo Power di stampo americano: quest'ultima caratteristica fuoriesce soprattutto nelle impostazioni melodiche che, sebbene siano state considerevolmente irrobustite in confronto al passato, mantengono intatto quel particolare tratto esotico e quella loro precisa funzione, consistente nel rendere ancor più cupa una proposta decisamente matura, personale e molto ben articolata.

Ascoltando episodi come "A Dance With The Dead", "Brother Of Life" e "The King With A Crown Of Thorns", risulta sempre più palese come, in un impianto sonoro di grande impatto e fortemente radicato in quella tradizione Doom ancora legata alle frange più scure del classico Heavy Metal, si infiltrino nuovamente atmosfere dal vago sapore gotico: tali evocative propensioni, sempre coadiuvate dalla drammatica e teatrale voce di Angelos Ioannidis, stendono sull'intero lavoro un velo di misteriosa e affascinante decadenza che a conti fatti sembrerebbe essere quella marcia in più in possesso dei Sorrows Path. Dette sensazioni vengono ulteriormente accentuate in un pezzo come "Everything Can Change" dalla presenza in qualità di ospite dietro al microfono di Snowy Shaw: questo signore — che non necessita certo di particolari presentazioni — sfodera una prestazione davvero ottima, arrivando a evocare persino lo spettro di quei Mercyful Fate in cui il suddetto militò una ventina d'anni or sono.

A conti fatti, "Doom Philosophy" è un album su cui non si possono spendere troppe parole, poiché costituito da una proposta tanto legata a uno stile troppo classico per non essere conosciuto da chiunque quanto dannatamente personale e — in un certo senso — sempre attuale. Nonostante un minutaggio piuttosto consistente, quest'opera si dimostra assolutamente piacevole e coinvolgente per tutta la sua durata, puntando i riflettori su un gruppo ispirato, capace e in forma smagliante. In parole povere: se amate il Doom (e la sua filosofia), i Sorrows Path sapranno soddisfarvi ampiamente: Doom On!

Facebook Comments