SOUL OF ENOCH – Neo Locus

 
Gruppo: Soul Of Enoch
Titolo: Neo Locus
Anno: 2015
Provenienza: Italia
Etichetta: Bloodrock Records
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. I Ask The Flies To Forgive Me
  2. Amber Flowers (On Black Marble)
  3. Yule
  4. Children Shouldn't Play With Dead Things
  5. The Witch Is Dead
DURATA: 42:17
 

Da qualche tempo non mi capitava di addentrarmi nella scena doom occulta italiana, un mondo fatto tra gli altri di Paul Chain, Abysmal Grief e L'Impero Delle Ombre, ed ecco finalmente l'occasione con la prima fatica ufficiale dei Soul Of Enoch.

Partiamo subito col dire tuttavia che non siamo davanti a giovanotti di primo pelo, trattandosi infatti dell'ultimo progetto dell'onnipresente Tony Tears (ex-Abysmal Grief) e di David Krieg (voce degli Hexenfaust). Uscito a fine 2015 per la genovese Bloodrock Records (nota principalmente per il suo lavoro con i Doomraiser), "Neo Locus" è appunto un nuovo luogo che promette di mettere insieme due sensibilità concettualmente molto vicine, e mantiene l'impegno.

La traccia di apertura "I Ask The Flies To Forgive Me" inizia proprio con una lunga declamazione in latino accompagnata dagli immancabili organo e campane, prima di lasciare spazio alle chitarre distorte e al cantato in inglese. Il disco è composto da cinque brani di durata importante, che attingono dall'immaginario oscuro e atmosferico che tanto ha dato a entrambi i musicisti. Come era lecito aspettarsi, non è un album doom metal tout court, infatti è stato dato ampio spazio anche a sonorità diverse (come nella camaleontica "Yule"), pescando ovunque tra le molteplici influenze del duo. Ottima e coinvolgente la performance vocale di Krieg, sapiente il lavoro alle chitarre di Tears, "Neo Locus" scorre in maniera molto agevole e senza lungaggini. 

Diamo il benvenuto a questo nuovo nome del panorama, attendendo di vedere se si tratterà di un progetto a lungo termine, o semplicemente di una collaborazione estemporanea tra questi due pilastri della scena.

Facebook Comments