SPARTAN WARRIOR – Behind Close Eyes

SPARTAN WARRIOR – Behind Close Eyes

Informazioni
Gruppo: Spartan Warrior
Anno: 2010
Etichetta: Ironage Records
Contatti: www.myspace.com/spartanwarrioruk
Autore: Mourning

Tracklist
1. Never Take Me Alive
2. Last Man Standing
3. Tear Out Your Heart
4. Loud N Proud
5. Behind Closed Eyes
6. As Good As It Gets
7. Walking The Line
8. Time
9. Loves A Game
10. Flesh and Blood

DURATA: 46:50

SPARTAN WARRIOR - Behind Close Eyes Gli Spartan Warrior sono una delle tante formazioni storiche che militarono nella celebre NWOBHM, dopo aver dato vita a due album di discreto valore in quel periodo, “Steel ‘n Chains” e “Spartan Warrior” nel biennio 1983-84, la band si prese oltre venticinque anni di pausa per tornare in forze in questo 2010 con un nuovo disco dal titolo “Behind Closed Eyes”.
Cosa ci si poteva attendere da loro se non del puro heavy metal? E’ questo infatti che ci viene offerto, le chitarre sono la portata consistente, il riffing sa spingere e vivacizzarsi con melodie indovinate e accattivanti che impreziosiscono i brani arricchiti da assoli classic.
Neil Wilkinson e Mark Chapple sono “inchiodati” al sound eighties, cosa che farà non poco piacere a chi apprezza il genere, canzoni come “Last Man Standing”, “Behind Closed Eyes”, “As Good As It Gets”, “Never Take Me Alive” e “Loud’n’ Proud” hanno quel non so che di godereccio e genuino che le fa ascoltare con piacevole soddisfazione, non contando che a supporto vi è un Dave Wilkinson dietro il microfono che svolge il suo ruolo senza sbavature.
La produzione moderna, oltre a dare una mano alla sezione ritmica formata da Gordon Webster alla batteria e Tom Spencer al basso dandole spessore. fa in modo che le sei corde si alternino come protagoniste con la vocalità di Dave non mettendo in discussione il fatto che le asce sono la chiave portante dello stile, loro comandano sull’incedere e le sensazioni che le canzoni andranno a ricreare.
Un gradito ritorno quello degli Spartan Warrior, l’album non è al livello dei predecessori ma si presenta come una produzione degna del mondo heavy metal e dopo un’assenza prolungata così a lungo non è male come ripresa dei lavori.
Amanti della NWOBHM e del sound classico non fatevi mancare l’occasione di dare un ascolto a “Behind Closed Eyes” ennesima riprova che il genere è ancora vivo e vegeto, anche i vecchi leoni hanno la capacità di dire la loro.

Facebook Comments