SQUIDHEAD – Cult[ist]

 
Gruppo: Squidhead
Titolo: Cult[ist]
Anno: 2018
Provenienza: Belgio
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Abyssal Worshippers
  2. Mantra Of Insanity
  3. Awakening
  4. Lucid Nightmares
  5. Mad Painter
  6. Whispers Of The Deep
  7. Torn Skies
  8. Verbis Diablo
DURATA: 40:48
 

A distanza di quattro anni dalla pubblicazione dell'EP "Prohibition", torna a farsi vivo il progetto Squidhead. Quella che era nata come una band sulle spalle del solo The Painter (Pierre "Pish" Minet) si è poi tramutata, di fatto, in un gruppo vero e proprio con l'ingresso in scena di due compagni di avventura, The Crawler al basso e The Orator alla voce.

Possiamo considerare "Cult[ist]" il debutto a tutti gli effetti: un album di otto tracce che in buona parte riprende quanto mostrato nella mini-prova passata, affidandosi a una prestazione strumentale moderna in bilico fra Death Metal e Djent, con una componente industriale a far da collante a una prova notevole per compattezza.

Riff spessi (mai esageratamente difformi), tonnellate di groove, sintetizzatori che irrobustiscono atmosfere oscure e sinistre adatte a supportare la tematica lovecraftiana sulla quale è imperniata l'opera, batteria martellante, linee melodiche e aperture solistiche in grado di diversificare e alimentare anche il lato più tecnico ed espressivo della proposta. In pratica, non c'è nulla che non vada in "Cult[ist]" e pezzi come "Abyssal Worshippers", "Awakening", "Lucid Nightmares", "Mad Painter" o "Torn Skies" ne presentano al meglio la pesantezza e il fascino dal gusto artificiale.

Gli Squidhead ci propongono un'uscita massiccia, quadrata e adatta soprattutto a chi fruisce abitualmente delle forme più odierne di metal. "Cult[ist]" necessiterà comunque di vari giri nel lettore anche da parte di costoro, per far si che l'orecchio ne possa apprezzare i minimi ma piacevoli dettagli che lo rendono interessante.

Facebook Comments