STILLBORN – Testimonio De Bautismo

 
Gruppo: Stillborn
Titolo: Testimonio De Bautismo
Anno: 2016
Provenienza: Polonia
Etichetta: Godz Ov War Productions
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Martwo Urodzony – Rozdział Trzeci
  2. Ancykryst
  3. Upiór
  4. Człowiekowstręt
  5. Odezwa
  6. Obłęd
  7. Modlitwa Poganina
  8. Burst Command Til War [cover Sodom]
  9. Apocalyptic Hymn Of Satanic Warriors
DURATA: 33:53
 

A cinque anni di distanza dall'uscita di "Los Asesino Del Sur", riecco gli Stillborn. La formazione di Mielec si rifà viva con l'ennesimo disco (il quinto) dal titolo ormai classico in lingua spagnola: "Testimonio De Bautismo". Stavolta però utilizza il proprio idioma nazionale per ciò che concerne i testi, i quali aprono una parentesi-dedica circa la letteratura simbolista transalpina, omaggiando la figura di Charles Baudelaire con "Upiór" e "Modlitwa Poganina".

Musicalmente siamo dinanzi alla solita, efferata e rodata macchina da guerra. Pur avendo perso pezzi importanti come Ataman Tolovy (Genius Ultor e Túrin Turambar) e Rzulty (Hell United), il gruppo ha trovato nel trio la propria forma ideale, con Killer alla voce e alla chitarra, August alla batteria e l'ultimo entrato Hunger al basso pronti a dilaniare, squarciare e annientare l'ascoltatore, ammorbandolo con una serie di brani death-black metal che si nutrono di un odio viscerale e ritmicamente serrati. Sono davvero pochi i momenti in cui si percepisce un allentamento della presa ("Upiór" e "Człowiekowstręt"), di norma vengono sferrate delle autentiche bordate sonore ("Ancykryst", "Odezwa" e "Modlitwa Poganina"), mentre l'incipit della conclusiva e ingannevole "Apocalyptic Hymn Of Satanic Warriors" seduce in maniera lisergica per poi provvedere ad annichilire l'ascoltatore con eccessiva e autoritaria intensità.

La prestazione degli Stillborn è mascolina e priva di compromessi, agonia e morte trasmesse cavalcando su nove cavalli impazziti. Parlo di nove composizioni, perché se non sapessi che "Burst Command Til War" appartiene agli illustrissimi Sodom di "In The Sign Of Evil", non avrei avuto problemi a considerarla farina del sacco di questi Polacchi: la loro versione è infatti assuefatta al caos e alla voglia di crudezza ed estremo che da sempre sono parte integrante del progetto.

"Testimonio De Bautismo" è una fucilata in pieno petto, insieme ai primi due capitoli "Satanas El Grande" (2004) e "Manifiesto De Blasfemia" (2005) rappresenta quanto di meglio si possa desiderare dalla visione sonora ortodossa-oltranzista dei Mitteleuropei, pertanto chi li ha amati in passato non nutra dubbi e ne acquisisca una copia. Gli Stillborn sono a un passo dal festeggiare i vent'anni di carriera, ma sembrano proprio non sentirli. Integerrimi.

Facebook Comments