STILLHETEN – Septuagesima

 
Gruppo: Stillheten
Titolo:  Septuagesima
Anno: 2012
Provenienza:   Svezia
Etichetta: D.N.A. Collective
Contatti:

Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Septuagesima part 1
  2. Septuagesima part 2
  3. Septuagesima part 3
  4. Septuagesima part 4
DURATA: 30:52
 

Sono stato ancora una volta vittima della mia bocca sfacciata. Per punizione mi tocca scrivere una rece su un disco di un genere che seguo sì, ma di cui non sono un profondo conoscitore. Sono forse proprio questi gli attributi necessari per approfondire un lavoro che sembra avere le sue radici nel Kraut Rock dell’inizio Anni Settanta?

Stillheten sembra offrirci Ambient senza suoni spaziali, un viaggio unico, intenso e macchiato qui e là dai colori di una timida chitarra acustica. I soliti Bastian contrari affermeranno con arroganza che tanto "questo ammasso di suoni nei dischi ambient sembra sempre uguale". Magari, ma probabilmente no. La techno è anche solo una serie di suoni ed è, tecnicamente parlando, lontana da poter essere considerata musica… sapete però quanto successo ha.

Calma e raccoglimento, questo sembra volere comunicarci Stillheten con il suo lavoro. Già i Popol Vuh si muovevano fra tali concetti, proponendoci dischi contenenti una serie di mantra o di sequenze che ricordano delle preghiere. Qui non siamo confrontati con elucubrazioni mentali dettate da droghe, ci troviamo invece davanti a suoni omogenei e quasi meditativi. La chitarra acustica citata prima è il mezzo adatto a inocularci forza, permettendoci così di corroborare non solo lo spirito ma anche il fisico stremato dopo un lungo viaggio. È difficile per me descrivere altrimenti questo lavoro complesso, complesso proprio per la sua semplicità.

La D.N.A. Records ha limitato la tiratura a ventiquattro copie prodotte con amore per il dettaglio e da non perdere.

Facebook Comments