SUPER DOG PARTY – The Big Show

SUPER DOG PARTY – The Big Show

Informazioni
Gruppo: Super Dog Party
Titolo: The Big Show
Anno: 2011
Provenienza: Italia
Etichetta: Autoproduzione / Goodfellas
Contatti: www.myspace.com/superdogparty
Autore: Mourning

Tracklist
1. Asshole
2. On Monday
3. Ghouls ‘N’ Goblins
4. Big Show
5. Nip Tuck
6. Greyhound’s City
7. The Masterchef

DURATA: 23:58

Rock, rock e ancora rock, il trio capitolino dei Super Dog Party capitanato da Alessandro Peana, mente compositiva e chitarrista cantante conosciuto già in qualità di membro dei The Boomers, ci presenta in compagnia di Nando Amorese (basso e backing vocals) e Maxim (batteria e percussioni) l’album di debutto “The Big Show”.
Ventiquattro minuti di rock’n’roll molto americano, le influenze alternative di gente come i White Stripes, il funky degli RHCP (direi quelli pre-Frusciante, con Hillel Slovak alla sei corde), un po’ di Primus e un pizzico di “sale in zucca” alla Tom Waits si combinano in brani dall’appeal trascinante, grandi riff, drumming che sa divenire improvvisamente deciso, assoli adrenalinici e con “On Monday”, “Big Show” e “Nip Tuck” verreste già ripagati di un eventuale acquisto.
C’è tanto di più, l’irriverenza divertita di un opener, “Asshole”, che t’invita a ripetere e urlare a gran voce il “ritornello”, il tratto “nerd” (e chi non ne possiede uno?) di “Ghoul’s ‘N’ Goblins” (mi ha ricordato un po’ lo stile british dei The Fratellis) che ha nel giro portante un tributo al famoso videogames del 1985 prodotto dalla Capcom per le sala giochi e che avrà anche un seguito nel 1988 intitolato “Ghouls ‘N’ Ghost” al quale i musicisti hanno adattato la loro composizione in un video pubblicato su YouTube, il “dixie” sound che pervade l’acustico intimismo del sud di “Greyhound’s City” e l’ancheggiare scatenato, provocante di “The Masterchef” che porta a termine un “The Big Show” che titolo più adatto non avrebbe potuto possedere.
Esordio convincente quello dei Super Dog Party in un panorama rock come il nostro, capace di negare l’evidenza che passa fra un prodotto da “X-Factor” e il suonare ciò che è realmente musica fatta con il cuore, che necessita di avere band così da supportare.
Intanto lo rimetto su e lascio che lo show abbia un nuovo inizio, volete parteciparvi? Acquistate “The Big Show” e prendetene parte.

Facebook Comments