SUPERLYNX – New Moon

Gruppo:Superlynx
Titolo:New Moon
Anno:2019
Provenienza:Norvegia
Etichetta:Dark Essence Records
Contatti:Facebook Youtube  Bandcamp  Instagram  Spotify
TRACKLIST

  1. Hex
  2. Breath
  3. Becoming The Sea
  4. New Moon
  5. Indian Summer
  6. These Children That Come At Us With Knives
  7. Scarecrow
  8. Cold Black Sea
  9. The Groove
  10. The Thickest Night
DURATA:46:49

Nuovo ingresso in casa Dark Essence e nuova proposta decisamente piacevole. Stavolta è il turno dei norvegesi Superlynx, un trio composto da Pia Isaksen (basso e voce), Ole Teigen (batteria, piano, sintetizzatori e voce) e Daniel Bakken (chitarra), che ha già alle spalle l’album autoprodotto LVX, rilasciato ormai tre anni or sono.

La creatura in questione è alquanto particolare, seppur non innovativa, ci troviamo infatti dinanzi a una miscela di sonorità stoner-doom che attingono con particolare dimestichezza e riguardo dalle fonti psichedeliche del genere, infilando in qualche frangente strane reminiscenze da altri panorami. Gli esempi giungono con l’ingresso in scena di “Becoming The Sea”, almeno per ciò che concerne l’aspetto atmosferico, che mi permette di tirare in ballo l’altisonante nome dei Dødheimsgard, band nella quale Teigen ha militato dal 2006 al 2011, utilizzando l’alias Jormundgand. “Scarecrow” invece si presenta come una combinazione, peraltro ben riuscita, fra la Seattle che fu e Jex Thoth.

La musica degli scandinavi è decisamente emotiva, a tratti onirica e malinconica, in altri maggiormente struggente, grigiastra e per lo più incentrata sulla strumentazione, la vera e propria regina della scena, come rivelano “Cold Black Sea” e “The Thickest Night”. La voce di Pia assume così il compito di riempire ulteriormente l’ambiente, aumentandone il fascino ma venendo sempre dosata con particolare intelligenza; si veda quanto accade in “These Children That Come At Us With Knives”, la mia traccia preferita.

“New Moon” è quindi un buon album e i Superlynx una formazione che potremmo definire competitiva e ben più che semplicemente di gradevole ascolto. La consiglio perciò a chiunque ricerchi costantemente uscite del versante più intimo e raccolto del genere.

Facebook Comments