SUPREMATIVE – Servitude Of The Impurity

 
Gruppo: Supremative
Titolo:  Servitude Of The Impurity
Anno: 2013
Provenienza: Spagna
Etichetta: Bestial Desecration Records
Contatti:

Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Intro / Embrace The Endless War
  2. Altars Of Sodomy
  3. Campaign Of Execution
  4. Servitude Of The Impure Messiah
DURATA: 13:24
 

L'Anno Domini 2012 segnò la fine dell'era Proclamation. Molti sostenitori ne sono restati amareggiati, ma forse c'è un palliativo. Dalle Canarie giungono i Supremative, che di primo acchito ricordano con la loro immagine di copertina i defunti madrileni. La cassetta demo "Servitude Of The Impurity" è uscita in quattro colori differenti, due per il mercato europeo e due per quello americano, con una tiratura totale di centosessantasei copie.

Dopo una corta introduzione, i Supremative vi assalgono con frasi chiare e nette: qui regna la Morte. Le canzoni del duo satanico sono ossessive, celeri, violente e la produzione piuttosto nitida valorizza le note suonate. Quest'ultimo punto piacerà agli ascoltatori che desiderano gustare ogni cambiamento di ritmo e tutti i dettagli. Riprendo la mia frase iniziale riguardo le similitudini con i Proclamation: anche i canari sfruttano l'eredità dei gruppi Black-Death primordiali e presentano qualche sequenza già sentita dai madrileni. Le composizioni presentate su "Servitude Of The Impurity" mi sembrano però più nitide, sono vicine a quelle di gruppi come i Black Witchery e lasciano poco spazio alla scuola finlandese.

Anche se le quattro piste presentate mi piacciono, posso affermare con la coscienza pulita che — nonostante i Supremative abbiano una base solida — manca ancora carattere proprio per risaltare nel mare di uscite che ci circonda.

Facebook Comments