TERRORBLADE – Thrash Will Strike Back

 
Gruppo: Terrorblade
Titolo:  Thrash Will Strike Back
Anno: 2009
Provenienza:  Germania
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Sito web  Facebook  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Hellfire
  2. Thrash Will Strike Back
  3. Dead Man Walking
  4. Shut Up Or Die
  5. The Terrorblade
  6. Spike Spangled Fist
  7. Feed Your Inner Beast
DURATA: 30:25
 

Anno 2009, arriva il momento per i Terror Blade di replicare quanto di buono fatto con l'ep di debutto "Pure & Ugly" (2007) pubblicandone il successore, "Thrash Will Strike Back", che già dal titolo è già tutto un programma.

Non ci sono sostanziali variazioni d'intento in quanto il trio tedesco ha come unico fine suonare della musica dedita al riffing ottantiano, aggiungendo qualche apertura al territorio melodico, ma mantenendosi robusta e tagliente dall'inizio alla fine.

I sette brani che compongono la scaletta vedono la formazione in gran spolvero, niente pause o attimi riflessivi solo un piacevole e distensivo attacco metallico che a si fa largo a più riprese. C'è ben poco da ragionare, basta mettere su il cd e attendere che le prime note inizino a entrarvi in testa, il feeling con canzoni quali "Hellfire", "Thrash Will Strike Back" o "Feed Your Inner Beast" si creerà quasi in automatico, d'altronde i Terrorblade, pur essendo pienamente devoti allo stile, confermano di provare a dare un'impronta personale ai pezzi, tuttavia senza snaturare quella voglia di retrò che li anima.

I ragazzi hanno acquisito ulteriore sicurezza nei propri mezzi confermando la propositività a getto continuo del riffato di "Persil" e la prestazione vocale arcigna di "MetalBasstard", vi è invece un gradito miglioramento delle dinamiche di batteria con un "Fridi" particolarmente in stato di grazia.

"Thrash Will Strike Back" darà soddisfazione ai tanti appassionati famelici di thrash, auguro quindi ai Terror Blade d'avere possibilità di presentare la loro musica ad un pubblico sempre più ampio, sono superiori ad altre compagini recenti che hanno a disposizione mezzi importanti. L'underground che merita supporto.

Facebook Comments