THE FATHER OF SERPENTS – Age Of Damnation

 
Gruppo: The Father Of Serpents
Titolo: Age Of Damnation
Anno: 2017
Provenienza: Serbia
Etichetta: Satanath Records / United By Chaos
Contatti:

Sito web  Facebook  Youtube  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. The Walls Of No Salvation
  2. The Flesh Altar
  3. Tale Of Prophet
  4. The Grave For Universe
  5. Tainted Blood
  6. The Afterlife Symphony
  7. The Quiet Ones
  8. The God Will Weep For You
  9. The Last Encore
  10. Viral
DURATA: 56:26
 

Il gothic-doom metal è un fenomeno che ha bene o male detto ciò che aveva da dire da un bel po', quelle cose che gente come i Paradise Lost ormai ci ricorda ogni tot anni con grande stile. Eppure niente, ogni volta ci ricasco, The Father Of Serpents è un nome che dalla Serbia si aggiunge alle decine di adepti del culto di Nick Holmes, arrivando al disco di esordio con "Age Of Damnation".

Sarà perché come esseri umani non possiamo evitare di fare i conti con la nostra finitezza, la vacuità dell'universo e tutti i temi cari al panorama doom in generale, ma in qualche modo non si esce mai davvero dall'età della dannazione. Il disco ha visto la luce nell'estate 2017, grazie alla collaborazione tra Satanath Records e United By Chaos, permettendo al sestetto formato a Belgrado nel 2014 di raggiungere una platea un po' più ampia. Gli ambienti della musica estrema in Serbia sono in discreto fermento da alcuni anni, tra l'altro avevamo già incrociato alcuni membri dei Father Of Serpents nel progetto death metal The Hell.

Si capisce subito che, sebbene alla prima uscita, The Father Of Serpents non è un gruppo di musicisti alle prime armi. Visto il genere c'è anche una certa varietà, tra l'immancabile violino di "The Flesh Altar" e la paradiselostissima "Tainted Blood", fino alla doppia identità di "The Last Encore" (che mi ha riportato alla mente i Tiamat degli esordi). Questa sofferente panoramica sull'era della dannazione si conclude con "Viral", un giusto cappello sul lavoro del sestetto.

Come dicevamo in apertura, "Age Of Damnation" non è esattamente un lavoro rivoluzionario nel mondo del gothic-doom metal (anzi), ma segna un'interessante novità nella scena serba, che potrebbe ritagliarsi qualche spazio anche al di fuori del Paese. In particolare, gli amanti dei Paradise Lost e di un certo sound della prima metà degli anni '90 troveranno pane per i loro denti.

Una curiosità: i The Father Of Serpents sono stati tra i nomi di punta all'ultimo Darkside Of Belgrade, evento di nicchia legato alla cultura gothic e tutto ciò che vi ruota intorno.

Facebook Comments