THE GATES OF SLUMBER – …The Awakening

THE GATES OF SLUMBER – …The Awakening

Gruppo:The Gates Of Slumber
Titolo:…The Awakening
Anno:2004
Ristampa:2012
Provenienza:U.S.A.
Etichetta:Abyss Records
Contatti:Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Reverbnation
TRACKLIST

  1. Resurrection From The Underworld
  2. The Awakening (Interpolating The Wrath Of The Undead)
  3. The Judge
  4. The Jury
  5. Broken On The Wheel
  6. The Executioner
  7. Blessed Pathway To The Celestial Kingdom
  8. The Burial
  9. The Cloaked Figure [traccia bonus]
DURATA:50:14

Le ristampe sono diventate più che mai una mania. Sembra solo a me che in questi ultimi anni l’utilizzo di tale mezzo per ridare luce a qualsiasi cosa sia spropositato e alle volte ingiustificato? Come tutte le decisioni prese nella vita, anche riportare in auge un disco dovrebbe avere il suo perché. Alle volte però vedere album poco significativi (a prescindere dal gusto personale) o usciti pochi mesi prima rimessi in circolazione in formati ultra lusso — che poi di aggiunte sostanziose hanno spesso poco o nulla — irrita abbastanza. È altrettanto vero che se certe operazioni non esistessero, molti non avrebbero la possibilità di entrare in possesso di svariate perle, chi per motivi anagrafici o solo per la sfortuna di non avere avuto il tempo necessario per recuperare un disco prodotto magari in tiratura limitata.

Scrivendo di gioiellini rinati, la Abyss Records fornisce il suo contributo, dando nuova vita al primo album dei The Gates Of Slumber, band di Indianapolis ormai veterana della scena doom metal. I tre lustri di carriera sin qui percorsi dal trio guidato dal chitarrista e cantante Karl Simon hanno avuto come prima svolta importante la pubblicazione del debutto …The Awakening, arrivato dopo aver partorito ben tre demo. Il suono della formazione — al tempo completata da Jason McCash al basso e dal batterista Chuck Brown (quest’ultimo non più membro del gruppo, sostituito dietro le pelli da Iron Bob Fouts) — è una grandiosa miscela di Black Sabbath del periodo Ozzy e Saint Vitus, con rimandi epici alla Manilla Road e oscuri alla Celtic Frost.

La sua riproposizione in questa veste ammodernata non presenta chissà quali estremi cambiamenti. Le note più evidenti risiedono nel titolo affibbiato all’intro che anticipa “The Awakening (Interpolating The Wrath Of The Undead)”, la quale un tempo era senza nome e ora è divenuta “Resurrection From The Underworld”; nell’inserimento a chiusura della scaletta della traccia bonus “The Cloaked Figure” (presente anche nella versione in vinile curata dalla Iron Kodex, che però contiene ben cinque brani aggiuntivi), estrapolata dal demo omonimo rilasciato nel 2004; e nella veste grafica odierna curata da Ken Kelly, artista che ha già collaborato con i The Gates Of Slumber in occasione di Suffer No Guilt e che in tanti ricorderanno di sicuro per le varie opere create per i Manowar e per i Rainbow di “Rising”.

...The Awakening è un lavoro partorito per vivere e trasmettere pulsioni da vecchia scuola e che sicuramente al tempo entrò a far parte delle collezioni di moltissimi fruitori abituali del genere. Se però non ne aveste avuto l’occasione in passato, adesso non dovrete assolutamente farvelo sfuggire, poiché questo disco merita, come del resto meriterebbe tutto ciò che sinora ci è stato donato da questi musicisti. Il doom scorre fluido nelle loro vene…

Facebook Comments