THE MOONSHINE BRAND – On The Waves Of Time

Gruppo:The Moonshine Brand
Titolo:On The Waves Of Time
Anno:2018
Provenienza:Germania
Etichetta:Burning Wax Productions
Contatti:Sito web  Facebook  Youtube  Bandcamp  Instagram  Spotify  Soundcloud
TRACKLIST

  1. Menace To Society
  2. Free Your Mind
  3. Humble Queen
  4. Surfing Through Space
  5. Delusion
  6. Acquainted Blues
  7. Wasted With You (No Time For The Blues)
  8. Daughter Of The Moon
DURATA:44:10

Uno degli ultimi dischi che ho ascoltato nel 2018 e uno dei primissimi ad aprire il mio 2019 è On The Waves Of Time, debutto dei tedeschi The Moonshine Brand; che avrei giurato fossero americani, per fortuna mi sono resa conto dell’errore dopo aver rifiutato la gentile offerta di Google di tradurre il loro sito web. Davvero suggestiva la copertina di MontDoom, che ha anche l’enorme merito di non essere fuorviante, evocando inequivocabilmente atmosfere del passato di stampo hendrixiano e non solo, psichedelia e rock anni ‘60-’70 con qua e là accenti blues e, per non farci mancare niente, un tocco più moderno di stoner rock. Se vi interessano i viaggi nel tempo e siete dei nostalgici, questo terzetto è pane per i vostri denti.

On The Waves Of Time è un lavoro scorrevolissimo e leggero, eppure capace di restare impresso. La mia anima stoner si è trovata particolarmente a suo agio con il fuzz e le distorsioni di “Delusion” e i 9’52” di “Surfing Through Space”; quest’ultimo è il pezzo più lungo della scaletta, ma nonostante sia piazzato a metà disco non interrompe né tantomeno distruggere il flusso sonoro complessivo, perché in effetti è diviso con una certa chiarezza in due parti, più stoner rock la prima, più lenta e quasi interamente strumentale la seconda. Anche gli altri brani fanno benissimo il proprio lavoro, a cominciare dalla ritmata apertura con “Menace Of Society” e la successiva, settantianissima “Free Your Mind”, con l’ottimo lavoro di Till Lorenzen all’organo. Malinconia e allo stesso tempo, a modo suo, sensualità — di nuovo, that organo… perdonate il gioco di parole — per “Acquainted Blues”, la cui influenza sonora dominante traspare già dal titolo.

Decisamente un esordio col botto, curato in ogni dettaglio, dalla grafica agli effetti, dai suoni agli arrangiamenti: spero di poter nuovamente parlarvi dei The Moonshine Brand e del loro surf sulle onde del tempo in futuro, ovviamente augurandomi di ascoltare un disco piacevole come lo è stato On The Waves Of Time. Un ottimo modo per iniziare un nuovo anno di recensioni, non c’è dubbio.

Facebook Comments