THE NEGATION – Memento Mori

 
Gruppo: The Negation
Titolo: Memento Mori
Anno: 2015
Provenienza: Francia
Etichetta: Kaotoxin Records
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Intro
  2. The True Enemy
  3. Sacrifice The Weak
  4. Parasite Fall
  5. A Prayer For Those I Will Have To Kill
  6. Faith In God's Corpse
  7. End Of Cycle
  8. Vision Of Doom
  9. Résistance
  10. Outro
DURATA: 42:04
 

I parigini The Negation debuttarono con quella sonora legnata intitolata "Paths Of Obedience", allora supportata dalla Mortis Humanae Productions. Nel 2015, a due anni di distanza da quell'uscita, hanno provato nuovamente che la veemenza, l'oscurità e l'atrocità che fuoriuscivano dalle loro composizioni non erano un fuoco di paglia, bensì un incendio pronto a propagarsi e travolgere l'ascoltatore attraverso "Memento Mori", stavolta rilasciato per Kaotoxin Records.

Il quintetto è avvolto da una spessa coltre di negatività, un manto che trasporta gli odori marcescenti prodotti dal sangue, dalla corruzione, dall'immoralità e da un sentiero che conduce all'espressione pura della malvagità, sfruttando sia ritmiche sostenute e melodie affilate che frangenti atmosferici in cui l'incedere si allenta, aumentando però la morbosità. È inutile negarvi che l'ascolto sia di quelli che ti sbattono violentemente, grazie a una serie di tracce a dir poco burrascose, ed è altrettanto vero che — come accaduto per l'esordio — il rimando a realtà connazionali e soprattutto a formazioni pilastro del movimento svedese sia inevitabile, ma tutt'altro che lesivo. La qualità compositiva della proposta e la sua ferocia non lasciano dubbi sul buon valore di questo disco.

"Memento Mori" è sinonimo di dannazione dal primo all'ultimo minuto. Al suo interno non si percepiscono infatti né cali di tensione né tantomeno tracce che possano ricoprire il ruolo di regine di scena. Tra le migliori comunque non posso non segnalare l'accoppiata composta da "A Prayer For Those I Will Have To Kill" e "Faith In God's Corpse". È un album glaciale che avanza in maniera imperterrita, mosso da una discendente spirale di follia, e al quale è stata fornita un'ottima e moderna produzione a cura degli Hybreed Studio, già noti per aver collaborato con compagini quali Temple Of Baal, Azziard e Glorior Belli.

I The Negation sono portatori sani di black metal: né più né meno di questo. Intransigenti e privi di imbastardimenti alternativi e post-, avanzano neri e astiosi, prendendo spunto dal passato, ma imprimendo il proprio marchio nel presente. Sono una realtà sulla quale il movimento francese può di certo fare affidamento e che conferma di non avere nulla da invidiare a chi è in giro da molto più tempo. Notevoli.

Facebook Comments