THE NEGATION – Paths Of Obedience

THE NEGATION – Paths Of Obedience

 
Gruppo: The Negation
Titolo: Paths Of Obedience
Anno: 2013
Provenienza: Francia
Etichetta: Mortis Humanae Productions
Contatti: Facebook  Bandcamp
 
TRACKLIST

  1. Intro
  2. Red Wrath
  3. Erased
  4. One God
  5. Lost For Ever
  6. Last Rites
  7. The Garden Of Extasy
  8. Heels
  9. In Agony
  10. Outro
DURATA: 46:00
 

I blackster francesi The Negation si presentano così:

«THE NEGATION si oppongono
a coloro che non sono lucidi,
a coloro che restano sottomessi ai dogmi religiosi e politici,
a coloro che non osano affrontare la verità o le verità per debolezza, per stupidità, per ignoranza oppure, per alcuni, per puro fascino del venire dominati.
THE NEGATION si oppongono a coloro che vogliono negare o fuggire alla legge fredda e immateriale della realtà.»

Il quintetto parigino — composto da musicisti membri ed ex di formazioni quali Azziard, Nydvind, Bran Barr, Cargal, Fenguerous, Cebren-Khal, Sentence e Borgia — ha debuttato sul finire del 2013 con l'album "Paths Of Obedience", che sin dagli ascolti iniziali ha messo in evidenza una non celata predilezione sia per l'approccio arrembante che melodico-atmosferico di stampo svedese in numerosi momenti. Potremmo definire la prestazione integralista per come offre canzoni in cui il riffato è tagliente, le armonie sinistre e l'assetto ritmico tende ad alternare burrascose accelerazioni, tempi medi e dilatazioni improvvise, nel tentativo di garantire una dovuta varietà d'intento. Così facendo si può godere appieno sia dei frangenti esplosivi (la buona apertura offerta dalla tumultuosa "Red Wrath" e le randellate imposte nelle altrettanto robuste "Heels" e "In Agony") che di quelli più inclini a favorire la fuoriuscita del lato più scuro e celebrativo del sound ("One God" e "Last Rites"), con la possibilità comunque di apprezzarli entrambi in una traccia completa nel suo assetto qual è "The Garden Of Extasy".

"Paths Of Obedience" è una prima prova di tutto rispetto, ben composta e prodotta: pur essendo palesemente influenzata dall'esperienza formativa dataci in pasto da vari nomi noti del genere, non ne risente particolarmente, mantenendosi costantemente su livelli apprezzabilissimi. I The Negation suonano Black Metal e lo fanno con convinzione e convincendo, consiglio quindi agli appassionati di prendere in considerazione l'ascolto e di entrare in possesso di questo tassello musicale, poiché il disco andrebbe a infoltire la vostra collezione, non sfigurando di fianco ad artisti nazionali e non ben più navigati. Con l'augurio che sia solo il primo di una lunga serie.

Facebook Comments