THE NIGHTSTALKER – The Chronicles Of Natural City

 
Gruppo: The Nightstalker
Titolo: The Chronicles Of Natural City
Anno: 2014
Provenienza: Belgio
Etichetta: Wolfshade Records
Contatti:

Facebook  Myspace  Blog

 
TRACKLIST

  1. Some Fog In The City
  2. Remember The War
  3. Miss Ombrette
  4. Released Of The Purgatory
  5. Trouble In My Head
  6. Fate, TheWitness Of Time
  7. Lord Of The Darkness
  8. The Confrontation
  9. Gabriel
  10. Alone Against The Apocalypse
  11. For Miss Ombrette [traccia bonus]
DURATA: 40:27
 

I miei accaniti lettori — ammesso che ne esistano — sentiranno pizzicare i loro sensi di ragno leggendo il nome The Nightstalker in cima a questa recensione. Il motivo è presto detto: si tratta di un progetto collaterale a quei Sercati di cui vi ho parlato la settimana scorsa. Steve "Serpent" Fabry, cantante-bassista e compositore del gruppo belga, insomma sta facendo le cose in grande per narrare in maniera totale la storia del suo angelo decaduto. Oltre alle due band, ha addirittura realizzato un libro intitolato "Le Journal Du Nightstalker", così da comporre una sorta di universo completo.

The Nighstalker non è altro che una versione più intima e delicata dei Sercati, quindi "The Chronicles Of Natural City" propone ancora sonorità gotico-atmosferiche ricche di sintetizzatori e mai estreme, più ovattate e "impastate" a livello di produzione, ma sempre dotate ahimè dello stesso identico screaming inadeguato; e anche gli interventi tastieristici sono spesso simili. I problemi di base e le poche voci positive restano insomma gli stessi: da un lato abbiamo l'accoppiata voce-batteria carente, soluzioni compositive scialbe e un perenne tempo medio che affossa ogni guizzo di vitalità; dall'altro qualche discreta idea melodica delle chitarre e poco altro.

Io ho il massimo rispetto per un ragazzo che mi ha spedito ben due cd dal Belgio e così voglioso di fare, sfortunatamente però mi trovo nuovamente fra le mani un progetto troppo ambizioso rispetto alle capacità attualmente in possesso di Serpent e dei suoi collaboratori. Servirebbe focalizzarsi maggiormente su un unico aspetto musicale della vicenda Nightstalker, anche perché "The Chronicles Of Natural City" aggiunge davvero poco a quanto ascoltato con i Sercati, anche solo a livello di intenzioni.

Facebook Comments