THE PRESS GANG – Medusa 5

 
Gruppo: The Press Gang
Titolo: Medusa 5
Anno: 2016
Provenienza: Canada
Etichetta: Wiener Dog Records
Contatti:

Facebook  Youtube

 
TRACKLIST

  1. Dagger For The Eye
  2. Churning The Rust
  3. Bumblebee
  4. Rise
  5. Blister & Boil
  6. Bone & Gravel
  7. Die Inquisitor Die
  8. Bronostaurus
  9. Kill The Bastards
  10. Ship & Sail
DURATA: 30:01
 

Il termine «Press Gang» risale al 1700 e si riferiva a gruppi di militari (soprattutto britannici) che avevano il compito di procedere all'arruolamento forzato. La Press Gang di cui parliamo oggi invece è una formazione canadese attiva da una decina d'anni, foriera di un classico heavy metal di stampo anni '80, che si fonde spesso e volentieri con punk e hard rock. "Medusa 5" è il quinto disco della band e non toglie e non aggiunge niente alla discografia dei Nostri, solidi mestieranti che hanno il pregio di fare le cose per bene senza prendersi troppo sul serio.

In "Medusa 5" non si trovano inutili barocchismi o arrangiamenti altisonanti, ma solo dieci canzoni divertenti e ben suonate, essenziali sia nella forma che nella sostanza. La musica dei The Press Gang affonda le sue radici nel classico hard rock (il disco è dedicato al signor Ian Fraser Kilmister), flirta spesso e volentieri con l'heavy metal di scuola Iron Maiden, tuttavia non si fa mancare incursioni nel punk inglese anni '70. Ne esce un disco eterogeneo e piacevole, in cui a farla da padrone sono le ispirate e mai banali linee vocali del cantante-chitarrista Colin McCulloch. Non sono da trascurare neanche le efficaci linee di basso di Lindsay Arnold, mentre Derek Lindzon alla batteria spinge poco il piede sull'acceleratore, preferendo tenere tempi medi, anche se indulge forse un po' troppo spesso nell'uso dei piatti. La produzione è grezza e sincera, rispecchiando in pieno l'attitudine della band, mentre è decisamente interessante la copertina in stile fantascienza.

"Medusa 5" non farà certo la storia, ma renderà felici tutti i nostalgici e amanti di certe sonorità semplici e vintage.

Facebook Comments