THREE MONKS – The Legend Of The Holy Circle

 
Gruppo: Three Monks
Titolo:  The Legend Of The Holy Circle
Anno: 2013
Provenienza: Italia
Etichetta: Black Widow Records
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. The Holy Circle
  2. Into Mystery
  3. The Battle Of Marduk
  4. The Rest Of Sacred Swarm
  5. Rieger
  6. The Strife Of Souls
  7. Toccata Neogotica #5 (Epilogue)
DURATA: 53:20
 

I Three Monks furono una fra le migliori scoperte del mio 2011. Il duo composto da Paolo "Julius" Lazzeri e Maurizio "Bozorius" Bozzi, anche stavolta supportato dalle figure di Claudio "Ursinus" Curseri e Roberto "Placidus" Bichi, mi aveva incantato con "Neogothic Progressive Toccatas". Ero quindi ansioso di ascoltarne il successore, album che è stato dato alla luce nel 2013, ancora sotto l'ala protettrice della Black Widow Records, e che ha per titolo "The Legend Of The Holy Circle".

L'organo e i sintetizzatori di Lazzeri la fanno da padrone: alle volte sembra di avere all'orecchio figure quali Wakeman ed Emerson, altre la natura diabolica di Jacula, altre ancora i Goblin; ma è l'arte nobile della musica classica che in più di un'occasione viene celebrata e rinverdita da questa rappresentazione di rock progressivo, in cui il basso di Bozzi si ritaglia un posto in piena luce (prendete a esempio "Into Mystery" o l'ingresso di "Rieger"), mentre le basi scandite dall'incedere della batteria e arricchite dall'introdursi delle percussioni non fanno altro che prestare grandioso servizio.

Quello che rende interessante i lavori di questa realtà è la maniera in cui sembra raccontino una storia, una di quelle che si tramandano di generazione in generazione, ma che il tempo non ha privato della capacità di affascinare grazie a componenti mistiche, battagliere e rituali che le conferiscono quel non so che d'imperituro. Avvinghiante sensazione che assume toni altamente misteriosi e religiosi nell'apertura affidata all'accoppiata "The Holy Circle" e "Into Mystery", si tinge di colori più terreni e combattivi nelle seguenti "The Battle Of Marduk" e "The Rest Of Sacred Swarm", è capace d'innalzare una solenne barriera di distacco in "Rieger", immettendo poi sulla nostra strada prima le ossessioni incatenanti di "Strife Of Souls" e a chiusura il liturgico e lugubre suonare di "Toccata Neogotica #5".

"The Legend Of The Holy Circle" è pura magia atemporale: i Three Monks hanno sostituito l'imponente austerità infusa a "Neogothic Progressive Toccatas", dandole una forma maggiormente varia e all'interno della quale spiccano i tratti romantici di una proposta che è riuscita nuovamente a catturare la mia attenzione per la sua intera durata.

Non so se i viaggi nel futuro diverranno mai una realtà, tuttavia quelli nel passato sono possibili: non fisicamente, ma i mezzi a disposizione per affondare con la mente in tempi remoti non mancano. Nel caso in cui vi andasse d'intraprenderne uno, vi suggerisco d'impiegare la musica di questi artisti nostrani. Sarebbe un'ottima fonte d'ispirazione nella quale perdersi volontariamente.

Facebook Comments