TUTTOILBUIO – Only Dead Songs In The Drawer

TUTTOILBUIO – Only Dead Songs In The Drawer

Informazioni
Gruppo: Tuttoilbuio
Titolo: Only Dead Songs In The Drawer
Anno: 2011
Provenienza: Italia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti: myspace.com/tuttoilbuio
Autore: Mourning

Tracklist
1. Kill My Dawn
2. Denial Denial Denial
3. Corvi Ad Alexander Platz
4. Only Dead Songs In The Drawer
5. Zero

DURATA: 22:15

La musica è arte, l’arte nasce, si nutre e cresce grazie a una comunione d’intenti e alla passione con la quale la si alimenta, i Tuttoilbuio sono nel loro piccolo una semplice ma intrigante forma d’arte.
L’ep “Only Dead Songs In The Drawer” è il simbolo divenuto realtà del lavoro svolto dal trio composto da Giulio Pizzuto (basso e voce), Aurelio Pizzuto (drum machine e chitarra) e Matteo Barbetta (chitarra), cinque canzoni registrate e prodotte integralmente “in casa” utilizzando esclusivamente software freeware e strumentazione che potremmo definire “low cost” a testimonianza del fatto che per partorire qualcosa di buono non si possa e non si debba forzatamente essere incatenati dalla ricerca di un budget esplosivo.
Certo la creatura dei tre musicisti bergamaschi non è priva di pecche, risente dell’influenza passata dell’avventura nei Bloody Wings, formazione doom con all’attivo il disco “Our Faith Has Yielded…” rilasciato nel 2005, è evidente che le atmosfere di alcuni passaggi possa ricondurre ad act come i Katatonia, vedasi la titletrack, risultando però affascinante proprio per il mood melancolico a tratti depresso e dinamicamente cangiante, così com’è piacevole la visione alternative rock che porta a galla “Zero” mantenendo il nero lucido ma dotato di una “spinta” maggiore.
Purtroppo non è tutto oro ciò che riluce, la pronuncia inglese ha bisogno di una “registrata”, è stranamente più convincente la sezione in tedesco di “Denial Denial Denial”, brano che dal canto suo soffre però di una staticità che ne impedisce un fluire libero, sono solo degli accorgimenti quelli da attuare e date le potenzialità in dote al progetto non dovrebbe essero problematico fissarli.
“Only Dead Songs In The Drawer” è un lavoro che unisce cervello e pancia, la lucidità di chi sa che con poco si può ottenere più di quanto ci si possa immaginare e l’istinto che ne fa un platter rock decisamente non così diretto come ascolto, vi consiglio di farlo girare almeno un paio di volte nel lettore prima di lanciarvi in un commento a proposito, dedicate ai Tuttoilbuio un po’ del vostro tempo.

Facebook Comments