UFOSONIC GENERATOR – The Evil Smoke Possession

 
Gruppo: Ufosonic Generator
Titolo:  The Evil Smoke Possession
Anno: 2016
Provenienza:  Italia
Etichetta: Minotauro Records
Contatti:

Facebook  Soundcloud  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. A Sinful Portrait
  2. Anapest
  3. At Witches' Bell
  4. Master Of Godspeed
  5. Meridian Daemon
  6. Silver Bell Meadows
  7. Mowing Devil
  8. The Evil Smoke Possession
DURATA: 38:39
 

Il calderone di gruppi da revival stoner-doom sembra non voler smettere di ribollire, dopo anni dal ritorno in auge di queste particolari sonorità. I nostrani Ufosonic Generator giungono al debutto discografico con "The Evil Smoke Possession", a cinque anni dalla nascita della band. Il nome del complesso già di suo rimanda ad altri mostri sacri della scena (alzi la mano chi non ha pensato a Ufomammut e Mondo Generator), per cui mi sono apprestato ad ascoltare questo disco con un certo timore di trovarmi tra le mani l'ennesima raccolta di materiale già sentito, timore per fortuna rivelatosi infondato.

I quattro ragazzi propongono infatti una miscela dei generi sopracitati, ma che per la gran parte della durata dell'album sfocia in composizioni quasi spensierate, che non hanno paura di spingere sull'acceleratore in quello che viene definito dalla stessa band (in maniera azzeccata, secondo il sottoscritto) «doom'n'roll». I suoni sono ben bilanciati, con i riff che dimostrano una corretta assimilazione di ciò che i grandi maestri del genere hanno insegnato; la voce presenta un timbro leggermente effettato, che dà un sapore particolare all'insieme. Quasi del tutto assenti le atmosfere sulfuree e luciferine che tanto permeano le uscite del filone: le sezioni realmente doom si contano sulle dita di una mano ("At Witches' Bell", "Silver Bell Meadows" e l'ultima "The Evil Smoke Possession"), mentre per il resto l'ascoltatore è spinto a scapocciare su composizioni che rendono omaggio ai vari Pentagram, Uriah Heep e agli episodi più leggiadri — per così dire — dei Black Sabbath.

"The Evil Smoke Possession" è un album che va sul sicuro, non rischia e però al tempo stesso è in grado di accontentare diversi palati, in attesa di vedere gli sviluppi artistici degli Ufosonic Generator sulla lunga distanza.

Facebook Comments