UNDEAD CREEP – Undead Creep

UNDEAD CREEP – Undead Creep

 
Gruppo: Undead Creep
Titolo: Undead Creep
Anno: 2009
Provenienza: Italia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Bandcamp  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Darkest Slumber
  2. Final Demise
  3. Summoning The Abyss Lord
  4. Ritual Slaughter
  5. Undead Creep
DURATA: 14:34
 

Nome nuovo che si muove nella scena italiana: dalla Sicilia (Palermo) il death degli Undead Creep ci proietta nelle lande Svedesi dei primi anni Novanta. L'influenza di gruppi come Nihilist e Grave è dominante nei quattordici minuti che compongono questo primo demo e i Nostri dimostrano di conoscere profondamente il genere e di saperlo sfruttare riproducendolo a dovere.

I brani del mini-lotto mettono in mostra una formazione non alle prime armi e questo lo si deve all'ormai consolidata presenza di alcuni navigati membri di altre band quali Haemophagus e Throne Of Molok. Trovarsi dinanzi "Final Demise" o "Summoning The Abyss Lord" è un piacere per le orecchie e chi è alla ricerca continua del suono caro alla vecchia guardia death non potrà non apprezzare un'esecuzione alquanto precisa e cattiva, combinata con buoni sprazzi di personalità interpretativa. È vero che l'orda di adepti devoti alle sonorità di matrice scandinava è di dimensioni ormai esorbitanti e che lo stile viene sviscerato in tutte le salse, a mio avviso non sempre ottenendo dei validi risultati, ma c'è da dire che gli Undead Creep — fra le realtà che hanno compiuto questa scelta — rientrano di diritto fra le migliori che abbia avuto il piacere di ascoltare, in compagnia dei Profanal.

La produzione stessa dei brani è efficace, il ronzio delle chitarre ha il suo giusto volume, il basso è finalmente presente e la batteria pestata quando serve è posizionata in modo da essere un supporto e non un carro che copre tutto quanto.

Il demo degli Undead Creep è in definitiva un passo fatto nella direzione più opportuna per dare alla luce in futuro dischi di valore. Non resta quindi che attendere una prova più consistente, intanto potete procurarvene una copia contattando la band stessa. I soldi vanno spesi bene e in questo caso sono tutti benedetti.

Facebook Comments