UNLUCKY MORPHEUS – Change Of Generation

Gruppo:Unlucky Morpheus
Titolo:Change Of Generation
Anno:2018
Provenienza:Giappone
Etichetta:Autoprodotto
Contatti:Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Spotify
TRACKLIST

  1. Cambio Di Generazione
  2. Knight Of Sword
  3. Cadaver
  4. Revadac
  5. Kizasi
  6. 虚妄の恋人 [versione 2018]
  7. 鎮昏歌
  8. Spartan Army
  9. Wings [versione 2018]
  10. Black Pentagram
  11. Change Of Generation [versione 2018]
  12. 囚われの僕ら [versione Unlucky Morpheus]
  13. 願いの箱舟 [versione Unlucky Morpheus]
DURATA:56:47

In dieci anni di carriera, gli Unlucky Morpheus hanno prodotto una serie decisamente corposa di uscite tra album, ep, collaborazioni e perfino remix in versione eurobeat. Change Of Generation è il loro secondo lavoro del 2018, in cui sono presenti sia canzoni inedite che altre rielaborate in una nuova versione.

Prima di analizzare l’album, è bene capire di che tipo di band stiamo parlando: gli Unlucky Morpheus sono definibili come un circolo dōjin, ossia un gruppo di persone che pubblica in maniera indipendente materiale di vario genere, in questo caso in ambito musicale; le produzioni di questi circoli sono spesso (ma non sempre) derivate da opere più note, generalmente facenti parte della cultura otaku e vendute a fiere come il Comiket. L’ispirazione per il gruppo guidato dal chitarrista Shiren e dalla cantante Fuki — come per molti altri — arriva dalla serie videoludica Touhou Project, della quale ha riarrangiato svariate tracce della colonna sonora; Change Of Generation, tuttavia, è un disco di brani originali.

L’ora di musica contenuta nell’album è costituita principalmente da un power metal neoclassico-sinfonico, nel quale le melodie tipiche della variante nipponica del genere vengono sostenute da una base solida e vigorosa e da una prestazione pressoché impeccabile di tutti i membri, insieme alla volontà di fare qualche passo oltre gli schemi prestabiliti. Pezzi come il singolo “Black Pentagram”, “Kizasi” e “虚妄の恋人” (“Kyomō No Koibito”) mostrano l’aspetto più aggressivo del gruppo, inserendo elementi estremi quali blast beat e scream in accompagnamento alla voce femminile energica di Fuki; d’altra parte, la strumentale “Spartan Army” si avvicina al mondo prog, sfruttando le competenze tecniche dei musicisti con un sorprendente duetto tra basso e violino. L’esperimento più interessante, tuttavia, è quello che ha dato vita all’accoppiata formata da “Cadaver” e “Revadac”: le due tracce, pur essendo diverse fra loro, condividono un unico spartito, suonato prima normalmente e poi al contrario; ascoltando attentamente, infatti, è possibile riconoscere parti di chitarra rovesciate tra una canzone e l’altra.

Al di là dei casi eccezionali, gli Unlucky Morpheus dimostrano di saperci fare con la propria materia prima: “Knight Of Sword” e la title track sono ottimi esempi di power metal dai toni neoclassici, mentre “鎮昏歌” (“Requiem”) e “Wings” sfoggiano rispettivamente l’abilità del gruppo di lavorare sia con pezzi lenti e malinconici, sia con altri più dinamici. La coppia di brani posta in chiusura della scaletta, infine, è presa in prestito dal progetto Freedom Creators, al quale diversi membri di questa band partecipano; tra i due spicca particolarmente il conclusivo “願いの箱舟” (“Negai No Hakobune”): l’atmosfera eterea e fiabesca ricreata dall’emozionante collaborazione tra la voce di Fuki e il violino di Jill è indubbiamente uno dei picchi qualitativi dell’album.

In Change Of Generation è possibile percepire tutta l’esperienza dei componenti, derivata sia dagli stessi Unlucky Morpheus che da altre realtà più o meno note quali Light Bringer, Galneryus e 妖精帝國 (Yousei Teikoku); per il chitarrista Shiren in particolare, dopo l’abbandono dell’ultima delle realtà citate causato da una tenosinovite, l’uscita di questo lavoro è un ottimo modo per tornare sulla scena musicale con una performance assolutamente sopra le righe, soprattutto per quanto riguarda gli assoli. Ascolto consigliatissimo ai fan del power metal di scuola giapponese.

Facebook Comments