Urfaust - Teufelsgeist

URFAUST – Teufelsgeist

Gruppo:Urfaust
Titolo:Teufelsgeist
Anno:2020
Provenienza:Olanda
Etichetta:Ván Records
Contatti:Sito web  Facebook  Youtube  Bandcamp  Instagram  Spotify
TRACKLIST

  1. Offerschaal Der Astrologische Mengvormen
  2. Bloedsacrament Voor De Geestenzieners
  3. Van Alcoholische Verbittering Naar Religieuze Cult
  4. De Filosofie Van Een Gedesillusioneerde
  5. Het Godverlaten Leprosarium
DURATA:33:31

La carriera degli Urfaust, per quanto non longevissima, è caratterizzata da una certa prolissità (ventisei uscite discografiche in sedici anni) ma soprattutto da una tendenza all’evoluzione e alla sperimentazione in campo sonoro talmente graduale da risultare più che naturale, anche alle orecchie dell’ascoltatore più critico. Sin dal primo album Geist Ist Teufel, i Nostri hanno saputo definire un proprio stile fatto di voci sgraziate intonanti cantilene sbilenche, riff ipnotici, tappeto di batteria monotono ma trascinante e soprattutto di atmosfere spettrali e decadenti corroborate da misteriosi testi scritti in una sorta di mix tra tedesco e olandese, rigorosamente non pubblicati.

Nel corso del tempo il duo ha saputo innovare e arricchire la propria stramba formula, aggiungendovi cori (in Der Freiwillige Bettler) e rallentando sempre di più i tempi, fino a dilatarli in una sorta di dimensione onirica che raggiunge il suo climax in Empty Space Meditations, in cui le chitarre restano in secondo piano per far spazio a un tappeto di synth che contribuisce a portare l’ascoltatore verso una dimensione che trascende il terreno e il tangibile per elevarsi al cosmo e al sogno. Il discorso precedentemente intrapreso prosegue poi con The Constellatory Practice, che dilata ulteriormente i tempi e innalza di nuovo le chitarre al ruolo di protagoniste, presentandoci per la prima volta brani dai titoli in inglese.

Teufelsgeist è piombato nel 2020 come un fulmine a ciel sereno. Sin dal titolo, che è un chiaro rimaneggiamento di quello del primo album e che letteralmente significa lo spirito del diavolo, passando per la musica e per qualche ausilio non musicale (una bottiglia di gin contenuta nell’edizione limitata, andata a ruba dopo qualche ora dall’uscita), gli intenti del duo olandese sono chiari: stupire l’ascoltatore. Come farlo? Sostanzialmente, trascendendo la semplice esperienza sonora grazie a un’ulteriore evoluzione del sound e a un formato più didascalico in cui ognuna delle canzoni rappresenta uno stadio dell’intossicazione da alcol: dalla leggera ebbrezza fino al coma etilico, passando per gli stadi intermedi.

L’album inizia con “Offerschaal Der Astrologische Mengvormen” in cui i tappeti di synth propongono una serie di arpeggi in tonalità maggiore sui quali si innesta una partitura vocale spensierata e pulita, evocante l’ebbrezza, la leggerezza e la disinibizione che caratterizzano il primo stadio dell’intossicazione alcolica: la concentrazione di alcol nel sangue non supera gli 0,4 grammi/litro. La transizione con “Bloedsacrament Voor De Geestenzieners” è graduale: le litanie della prima traccia lasciano spazio a lente progressioni di accordi, questa volta in tonalità minore: una vera e propria marcia funebre accompagnata da una serie di ululati spettrali ricreati dai sintetizzatori. La voce ritorna a essere ciò a cui gli Urfaust ci avevano abituati: sgraziata, stonata e incredibilmente tormentata, la perfetta rappresentazione del secondo stadio, quello compreso tra 0,5 e 1,5 grammi/litro in cui l’euforia lascia gradualmente spazio alla disforia, alla tristezza e all’apatia, la capacità di giudizio e il linguaggio si compromettono e la percezione sensoriale inizia ad alterarsi.

L’intermezzo strumentale “Van Alcoholische Verbittering Naar Religieuze Cult” ci riporta alla dimensione onirica di Empty Space Meditation, qui privata della componente cosmica e intesa esclusivamente in chiave alcolica e tossicologica come rappresentazione dello stato soporoso e inerte al quale si va incontro eccedendo gli 1,5 grammi/litro: i comportamenti divengono inadatti al contesto sociale (violenti o estremamente passivi), camminare diventa praticamente impossibile e la nausea predomina sulle sensazioni positive. “De Filosofie Van Een Gedesillusioneerde”, imperniata su un giro di basso ipnotico, vede ancora di più sfumarsi i contorni della percezione sensoriale, che è ormai inesorabilmente compromessa: le voci si fanno sempre più rarefatte, difficilmente udibili, più che altro intuibili al di sotto del tappeto strumentale, fino a diventare veri e propri lamenti disperati sul finale: tra 3 e 4 grammi/litro si può iniziare a parlare di stato di incoscienza in cui i riflessi si sfumano fino a scomparire per dar spazio alle allucinazioni e a una perdita del contatto con la realtà.

Il disco si chiude con “Het Godverlaten Leprosarium”, una vera e propria traccia ambient in cui la batteria, ultimo legame con il mondo terreno, lascia spazio a una serie di effetti che ricordano le campane tubolari e che tentano invano di ritmare il brano, costituito da un’unica nota continua suonata da un pad. Una sorta di effetto sonoro misto a una voce spettrale richiama l’ultimo agghiacciante urlo, scaturito dalla bocca di chi supera i 4 grammi/litro per poi entrare in un coma profondo dal quale uscirà, passando per un rallentamento estremo del battito cardiaco e un’insufficienza respiratoria, solo attraverso la morte.

L’alcol, vero e proprio protagonista di Teufelsgeist, assolve probabilmente l’antica funzione di mezzo attraverso il quale ci si eleva a una condizione ultraterrena, come la mescalina contenuta nel peyote consumato dai sacerdoti Maya. Un’altra ipotesi è che l’intossicazione alcolica sia fine a se stessa: un mero rito di ricerca del piacere che, portato all’eccesso, può dare devastanti effetti collaterali, o ancora un disperato tentativo di dimenticare temporaneamente la realtà che ci circonda. Nessuno sa precisamente cosa gli Urfaust abbiano voluto rappresentare con questo disco, e va anche bene così: uno dei motivi per i quali il duo olandese affascina e attira schiere di appassionati è sicuramente questo velo di mistero dietro al quale si celano i concetti e i testi espressi nei loro album, mai rivelati esplicitamente ma aperti all’intuizione e all’interpretazione dell’ascoltatore.

In conclusione, Teufelsgeist è a mio modesto parere un album che permette agli Urfaust di ribadire la loro posizione di eremiti in un panorama musicale spesso saturo di band simili e in cui un filone succede all’altro seguendo i dettami delle mode. La band di Asten continua a evolversi per proprio conto, allontanandosi sempre di più dal black metal delle origini per approdare verso lidi drone, doom e ambient pur senza snaturarsi né vendersi, mostrando un’incredibile personalità che si esplicita tanto nella ricerca e nella proposta sonora quanto nell’immaginario lirico e contestuale. Chapeau.

Facebook Comments