VERGINE STUPRATA – Jungfernkuss

 
Gruppo: Vergine Stuprata
Titolo:  Jungfernkuss
Anno: 2013
Provenienza:   Italia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Eterno Olocausto
  2. Demoniac Possession
  3. Total Desecration
  4. Poltergeist
  5. Rape! Rape! Rape!
  6. Jungfernkuss
  7. Blitz Krieg
DURATA: 28:09
 

"Alla voce c'è una ragazza", vi dico mentre il disco gira nel lettore… Ok, non mi prendete sul serio e mi guardate come se io avessi bisogno di una camicia di forza. Jevàl, che in precedenza si presentava sotto il nome Sepulchral Vomit, si mostra dal lato più aggressivo e brutale, tanto che mi domando: sono gli uomini che si sono rammolliti, oppure sono le donne a diventare sempre più forti? Item, i membri del gruppo non sono degli sconosciuti e hanno già militato in altre formazioni come i Morbid Pest.

La Vergine Stuprata si rivelò alla comunità metallica nel 2011 con un demo intitolato "Preparing For The Assault Of Bethlehem". Questi conteneva già alcune delle piste presentate qui, le quali mi paiono però essere meno "innocenti" e "leggere" rispetto alla loro versione originale.

Dopo pochi ascolti posso dire in maniera convinta che i membri del gruppo si preoccupano poco di ciò che pensano gli altri e avanzano a testa alta con un'attitudine del tipo "andate a fare in culo tutti!". Le sezioni ritmiche sono chiare, lineari e contengono accordi che ricordano una volta gli Slayer dei primi dischi e l'altra il crust britannico, mentre nella prima parte del disco vi potrebbe sembrare di ascoltare qualcosa dei Black Witchery.

Con queste poche frasi dovrebbe essere chiaro a tutti gli amanti della musica complessa, ultra-tecnica o melodica che questo non è il loro campo. Per ascoltare il canto della Vergine Stuprata ci vogliono tanto pelo sullo stomaco e voglia di sfogarsi a ritmi crudi e selvaggi, magari adornati con bracciali irti di chiodi da venti. "Jungfernkuss" è un disco riuscito, malgrado certe malelingue possano additare alcune parti come un po' immature. Nessuno è perfetto e a me il disco va bene così com'è.

Facebook Comments