VEXED – Void MMXII

VEXED – Void MMXII

Informazioni
Gruppo: Vexed
Titolo: Void MMXII
Anno: 2012
Provenienza: Italia
Etichetta: Punishment 18
Contatti: facebook.com/vexedweb
Autore: Mourning

Tracklist
1. Ashes
2. Void-H-Fog
3. Bloody Fucking Thrash
4. Black ‘N’ Roll
5. Requiem
6. N.B.C.
7. Burnout Deathsmell Bloodgun
8. Black Metal [cover Venom]
9. Methodic Madness – Obey!
10. Warblast MMXII
11. Professional Cancer
12. Bastard Drink Faster
13. Omicidio
14. Blood Collection Blood
15. Neurotic Crimes

DURATA: 44:28

I lombardi Vexed sono uno dei più longevi gruppi del thrash metal tricolore e guidati dal fondatore Mik (leader anche dei Longobardeath) — nella formazione troviamo anche Mike dietro le pelli, Azzi alla chitarra e Umbre al basso, musicisti attivi in realtà quali Tethra e Total Death — rilasciano un quarto disco che invia un chiaro messaggio: tutto ciò che è moderno non è ben accetto.
Il sound è basico, scarno, cattivo all’inverosimile e orientato a percorrere strade già battute migliaia di volte, con la voglia e la passione di chi ha vissuto il genere con costanza, devozione e un pizzico di rammarico per le svolte stilistiche non particolarmente gradite che hanno preso forma all’interno del mondo metal. Quale miglior modo quindi di predicare il verbo dell’old school se non assecondandone la parte primordiale e genuina?
La musica dei Vexed è un incrocio fra i Venom, l’hardcore di New York e la violenza che da quella scena si innestò nel thrash di band poco citate ma che smantellavano teste con i loro riff, si vedano ad esempio i grandiosi Demolition Hammer.
Questa è la linfa vitale che scorre fluida e infettiva in “Void MMXII”, dove si pesta, corre e si urla violentemente e ripetutamente, non v’è presenza di fronzoli, non c’è nessun tipo di riguardo o interesse nel complicarsi la vita, frequentemente si tira dritto per dritto, dando però dimostrazione di avere le carte in regola per estrarre fuori dal cilindro pezzi che svolgono il compito affidato loro in maniera degna e coinvolgente. Abbiamo più di un paio di episodi che fanno centro pieno: la coinvolgente “Bloody Fucking Thrash”, l’infettivo punk di “N.B.C.”, la carneficina esposta da “Warblast MMXII” e “Professional Cancer”, e le “spadellate” a raffica di “Blood Collection Blood” bastano e avanzano a regalare una serie di “scapocciatone” libere; a tutto questo si aggiunge la cover dei Venom “Black Metal”, molto più serrata e in piena modalità da attacco frontale, non male.
Non cominciate a farvi troppe domande, non cercate il pelo nell’uovo, qui non c’è, i Vexed la pongono giù dura e semplice, la proposta è da prendere o lasciare: volete un disco che vi randelli dall’inizio alla fine? “Void MMXII” farà al caso vostro. Se invece inizierete con le solite pippe mentali del “non sono personali”, “sanno di già sentito” e “ancora ‘sta roba”, tutte frasi in voga fra la generazione da “pretendo musica buona e non compro un cazzo”, non ne uscirete vivi. Vi consiglio pertanto, prima di bollarli come l’ennesima prova old school usa e getta, di ascoltarli e goderveli per ciò che sono: musicisti che in maniera onesta suonano ciò che amano.
Dedicato agli amanti del thrash, “Void MMXII” non vi cambierà la vita, ma che bella botta!

Facebook Comments