VOICES FROM BEYOND – The Gates Of Madness

VOICES FROM BEYOND – The Gates Of Madness

Informazioni
Gruppo: Voices From Beyond
Anno: 2010
Etichetta: Sg Records
Autore: Mourning

Tracklist
1. Terror Screen
2. The Chosen
3. Voices From Beyond
4. Time Dream
5. The Cult Of Madness
6. Don’t Change Your Mind
7. Day Of Rebirth
8. The Key Of Doom
9. Welcome You
10.From Beyond

DURATA: 51:08

Formazione italiana che arriva al debutto quest’anno con “Gates Of Madness”, solido heavy/power con venature thrash, questo è quello che ci viene proposto nelle dieci tracce che andremo ad ascoltare.
Il sound dei ragazzi è solido, basato su un lavoro di chitarre ben coordinato e assemblato, il riffing sa farsi tagliente e veloce quanto possente e armonicamente dotato, non lasciano nulla d’intentato variegando il più possibile il loro personale approccio che affonda le proprie radici negli anni novanta.
I nomi che vi verranno in mente sono molteplici, quel che conta davvero è che brani come “Terror Screen”, “The Chosen” aperture veloci e arrembanti con la seconda per alcuni versi rimandante ad alcune soluzioni dei Control Denied, “Cult Of Madness” con un sontuoso solo ad aprire le danze e possedente una tempistica di batteria pestata e minacciosa o ancora una fra “Time Dream” o la serrata “Day Of Rebirth” vi prendano e trasportino in un mondo fatto unicamente di sensazioni metalliche.
La voce per alcuni versi dickensoniana trova il suo miglior assetto quando tende a un range medio alto, riuscendo nel toccare buoni picchi e colpendo a dovere quando spinge incattivita ma come successo in passato per altre realtà l’estremizzare la proposta con l’inserto di scream non è scelta felice, non trovando motivo per cui dare una sfumatura forzatamente oltranzista al metal di natura classica.
Tolta questa piccola sfumatura, i Voices From Beyond ci regalano una bella prova, “Gates Of Madness” è una dose d’adrenalina da spararsi in vena in soluzione unica, la produzione ha il suo ruolo importante, pulita ma non laccata lasciando che l’assalto degli strumenti non risulti preconfezionato.
Adoratori del metallo puro c’è pane per i vostri denti, il tricolore può vantarsi di un’altra formazione che sa quello che fa e ce lo dimostra non con le parole ma con la musica.

Facebook Comments