VULCANO – Tales From The Black Book

 
Gruppo: Vulcano
Titolo:  Tales From The Black Book
Anno: 2004
Ristampa: 2008
Provenienza:  Brasile
Etichetta: I Hate Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Bandcamp  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Gates Of Iron
  2. The Bells Of Death
  3. Priestes Of Bacchus
  4. From The Black Metal Book
  5. Devote To The Devil
  6. Fall Of The Corpse
  7. Face Of The Terror
  8. Guerreiros De Satã
  9. Troubled Mind
  10. The Sign On The Door
  11. Obscure Soldiers
  12. Total Destruição
  13. Bestial Insane
DURATA: 42:55
 

La band brasiliana dei Vulcano torna in scena nel 2004 dopo una lunga pausa iniziata dopo la pubblicazione di "Rat Race" pubblicato nel 1990 e lo fa con un disco nuovo di zecca dal titolo "Tales From The Black Book”. La versione in mio possesso è però quella ristampata quattro anni più tardi dalla svedese I Hate Records.

Il gruppo si lancia nella solita prova basata su quel thrash contaminato da tempistiche death e influenze proto-black che sono il marchio di fabbrica di un certo stile nato proprio in quelle zone. L'approccio è comunque fresco e piacevole senza però stupire mai, infatti per quanto questo lavoro sia ben fatto ed il mestiere non manchi, non è altro che l'ennesimo album dedicato esclusivamente agli ossessivi fruitori del genere.

Non vi sono pezzi di storica rilevanza se non "Guerreiros De Satã" e "Total Destruição" a cui viene data nuova vita e qualche buona composizione come "The Bells Of Death" o "Fall Of The Corpse". Tutto si limita ad un compitino ben eseguito, che ha dentro i giusti ingredienti per tirare a sè i nostalgici ottantiani: velocità e suono sporco e rozzo — peccato che questo sia privo per molti versi d'incisività — in pratica roba da cultisti anche se a conti fatti la carriera di questa formazione ha vissuto di alti e bassi a dir poco esagerati e non poi così da cult.

Per chi adora il genere sudamericano un acquisto che non può mancare per completare la collezione, essenzialmente evitabie per tutti gli altri.

Facebook Comments