VULTUR – Ogu Liau

 
Gruppo: Vultur
Titolo: Ogu Liau
Anno: 2014
Provenienza: Italia
Etichetta: Lapis Lazuli
Contatti:

Facebook  Myspace

 
TRACKLIST

  1. Sa Bruxia
  2. Su Tiau (Ogu Liau)
  3. Su Dimoniu
  4. S'Inferru
  5. Sa Notti
  6. Su Martiriu
  7. Sa Morti
  8. Sa Cruxi
  9. Nuraghes
DURATA: 38:32
 

«Vultur è una formazione SARDA, non italiana»: questa scritta all'interno della copertina precisa il concetto legato alla terra d'origine. Anche il secondo lp uscito nel nono anno di attività mostra un gruppo restio a scendere a compromessi con il suo Black Metal screziato di Death.

Un'introduzione tetra, la nascita di un essere, una vita con tutte le sue spine, la sua morte: questo potrebbe essere il racconto narrato da "Ogu Liau" («il malocchio»). Le composizioni incalzanti e vivaci hanno qualcosa di pomposo ed epico, mentre le scelte ritmiche sono robuste e variegate. Parti celeri preparano il terreno ad altre meno sostenute ma molto decise e secche, che entusiasmano il pubblico. I pugni scossi nell'aria scompaiono fra le onde di capelli e il mare agitato di teste che lambisce il palco. L'apice dell'esaltazione è la tempesta provocata da una folle "S'Inferru" con il suo ritornello glorioso, quasi orecchiabile. Per coloro i quali le descrizioni musicali fossero insipide e preferissero gruppi di riferimento, allora vale la pena citare l'impatto degli austriaci Belphegor condito con spezie italiche.

"Ogu Liau" riprende e sviluppa ampiamente la via presa dal debutto "Corona De Frastimus", non è solo accattivante ma agguanta l'ascoltatore per iniettargli sensazioni da brivido, dopo avergli dato qualche ceffone. Una critica all'impiego ripetuto di uno schema per creare più pezzi è solo l'ombra di una nuvola passeggera sul buon intrattenimento offerto.

Facebook Comments