VULTURE INDUSTRIES – The Dystopia Journals

 
Gruppo: Vulture Industries
Titolo: The Dystopia Journals
Anno: 2007
Provenienza: Norvegia
Etichetta: Dark Essence Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Soundcloud  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Pills Of Conformity
  2. Blood Don't Flow Streamlined
  3. A Path Of Infamy
  4. Soulcage
  5. The Benevolent Pawn
  6. The Crumbling Realm
  7. To Sever The Hand Of Corruption
  8. Grim Apparitions
DURATA: 44:04
 

Questa volta non proponiamo una uscita recente, i Vulture Industries hanno rilasciato "The Malefactor's Bloodie Register" l'anno scorso, ma parleremo del loro precedente album "The Dystopia Journals".

Le cose che vengono in mente dopo avere messo nel lettore questa produzione sono tutte positive, si tratta di puro avantgarde metal, teatrale, armonioso, pieno di vita. I Norvegesi non sono musicisti che dedicano anima e corpo solo al black metal, niente Emperor, Mayhem o Immortal, siamo lontani anche dallo sperimentalismo degli Ulver. Si nota piuttosto una certa continuità con lo stile degli Arcturus (da poco resuscitati) e dei Borknagar, band che hanno in comune il competente cantante e musicista ICS Vortex, nome d'arte di Simen Hestnæs. Molte altre analogie si sentono con gli Age Of Silence, ma i Vulture Industries non sono assolutamente una formazione clone di altre, dimostrano una creatività immensa, davvero.

L'abilità con la quale passano da un tempo all’altro, in totale sicurezza, senza il benché minimo difetto, tenendo l’atmosfera in una costante mutazione, è straordinaria. Parti pulite e sporche della voce rendono in maniera spettacolare un comparto strumentale eccellente, sempre versatile.

"The Dystopia Journals" è un'ottima prova per dei coscienziosi musicisti che hanno capito al meglio il modo in cui vogliono suonare metal. Il mio consiglio è questo: godeteveli, se siete appassionati del genere; anche se credete di non esserlo, ascoltateli. Le sorprese sono sempre gradite, giusto?

Facebook Comments