VUOHI – The Rising Era Of Goat

 
Gruppo: Vuohi
Titolo: The Rising Era Of Goat
Anno: 2010
Provenienza: Finlandia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Soundcloud  Myspace

 
TRACKLIST

  1. The Rising Era Of Goat
  2. Blood On All
  3. Wulf
  4. Flame
  5. (In The Name Of) Ultimate Humanity
  6. Wasting The Bullets
  7. The Name Of The Newborn God / Grave Down Again
  8. The Diary Of A Necrophile
  9. The Last Ride Of Falling
  10. Obituary
DURATA: 21:46
 

I Vuohi sono un gruppo finlandese dedito all'estremo (tanto per cambiare direte voi), in giro dal 2002 e hanno all'attivo due demo: "Total Noise Chaos" e "The Rising Era Of Goat" (del 2010), su cui mi soffermerò ora.

Il quartetto è composto da Saha alla voce, Luoti alla chitarra e alla voce, Raaka al basso e Veri dietro le pelli. La musica possiede similarità accomunabili a quanto prodotto nel corso di ormai due decadi di guerriglia sonora da Mika Luttinen & soci: una bordata di neanche ventidue minuti nella quale vengono fusi death, grind, passaggi punk e parti annerite black. Questo è ciò che le dieci minute ma battagliere canzoni si prestano a immolare al vostro orecchio.

Brani quali "Flame" e "(In The Name Of) Ultimate Humanity" si presentano sfrontatamente minacciosi e arrembanti; è groove in stile vecchia scuola quello che sgorga da "The Name Of The Newborn God / Grave Down Again", ci sono inoltre scatti deliranti dei Brutal Truth che furono in "The Diary Of A Necrophile", mixati con la veemenza blasfema degli Impaled Nazarene. Sono belle le parti da scapocciata inserite in canzoni come "Blood On All" e la conclusiva "Obituary", nelle quali la vena death metal viene fuori con maggiore spessore. Il disco è uno scossone forte, intenso, che dura poco ma potrebbe ricolpirvi quando meno ve l'aspettaste.

Strumentalmente il basso di Raaka avrebbe dovuto essere più incline ad accompagnare la batteria di Veri con linee più ficcanti. Quest'ultimo tra le altre cose mitraglia che è un piacere, riuscendo a non risultare mai troppo monotono grazie a varianti semplici ma distintive. La produzione è di quelle a metà strada: non troppo sporca e neanche così pulita da anestetizzare le note; il suono fuzz delle chitarre e le due voci (growl e scream) che vanno a collaborare nelle tracce ne escono fuori più che discretamente supportati.

Il 2010 è ormai distante, il 2012 ha iniziato il suo corso da poco e non so ancora quale strada i Vuohi abbiano deciso d'intraprendere: se dovessero continuare su questa linea d'assalto, non posso negare che mi farebbe alquanto piacere poter ascoltare una nuova creatura ancora più ruvida e scartavetrante di questo già martellante "The Rising Era Of Goat". Augurando loro di poter realizzare un album d'esordio in breve tempo, consiglio il demo a chi ama musica fatta di mordi e fuggi dirompenti e priva di compromessi.

Facebook Comments