WACHT – Evolution, Destruktion

 
Gruppo: Wacht
Titolo:  Evolution, Destruktion
Anno: 2009
Provenienza:   Svizzera
Etichetta: Bergstolz
Contatti:

Sito web

 
TRACKLIST

  1. Accordanza / Der Sache Wegen…
  2. … Frei
  3. Mit Den Jahren Verblasst
  4. Westwind
  5. Heimgang
  6. Evolution, Destruktion
  7. ZK
  8. Tribut 3
  9. Ausklang / … Bis In Den Tod
DURATA: 27:58
 

Che cosa spinge un gruppo a produrre un disco? Spesso si tratta di pura voglia di mettersi in mostra. Nel caso del progetto Wacht, diverse forze s’incontrano in un punto preciso del locale di prova, provocando nelle menti dei musicisti un Inferno che desidera terrorizzare il sottosuolo metallico per l’eternità. Non spreco parole per presentarvi questo duetto.

La Bergstolz mi sorprende sempre con le sue uscite molto curate e di ottima fattura. È difficile oggi produrre dei dischi molto limitati, per poi venderli a prezzi abbordabili. Questa etichetta ci riesce, offrendoci questo disco di cui esistono appena 255 copie. Una potrebbe essere presto vostra.

Durante il primo ascolto giro e rigiro la copertina e l’inserto. Qualcosa mi disturba. Ecco, adesso lo so! I testi sono in tedesco. Normalmente Steynberg redige i suoi lavori nella lingua madre, il romancio. Per questa volta chiuderò un occhio…

I pezzi mi paiono più maturi di quelli contenuti nelle registrazioni precedenti. La fattura è comunque tipica per il progetto: la voce è tanto straziata da lasciare ritirare le gengive all’ascoltatore, le scale di chitarra e di basso sono aggressive, rinunciando spesso e volentieri a parti lente, e la batteria maltratta le budella dell’ascoltatore. Molto fresca è la pista “Westwind” che vive di passaggi quasi punk. La prossima tappa del gruppo sarà il black’n’roll? Chissà!

Passo rapidamente ai punti negativi. La corta durata e la presenza di due pezzi usciti in precedenza, anche se incisi di fresco, lasciano un poco l’amaro in bocca. Spero che in futuro il gruppo crei dei lavori senza materiale riciclato che è inferiore a quello nuovo. Non mi resta altro che consigliarvi l’ascolto del gruppo e l’acquisto di questo vinile. Orsù dunque pargoletti, la tiratura è limitata!

Facebook Comments