WARFUCK – Neantification

 
Gruppo: Warfuck
Titolo: Neantification
Anno: 2013
Provenienza: Francia
Etichetta: Trendkill Recordings
Contatti:

Sito web  Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Till The Bones
  2. Goût Amer
  3. At Least I Hope
  4. Hauts Débats
  5. Apprends À Plaire
  6. Douleur Et Vices
  7. La Gloire
  8. Millions Of Merits
  9. Abusey
  10. Néant
  11. Vivre D'Arnaque Et D'Eau Fraîche
  12. Disverge
  13. Pan Crack
  14. Route Bloody Route
  15. Rondelle
DURATA: 25:14
 

Parere personale: di poco azzeccato hanno soltanto il nome; Warfuck non brilla certo per originalità, ma è davvero l'unico aspetto che mi permetto di sindacare oggi, e probabilmente lo faccio solo perché mi sono alzato dalla parte sbagliata del letto. Per il resto "Neantification" ("Nientificazione") è inappuntabile e mostra a una fetta ampia di pubblico (grazie alle sedici etichette che hanno collaborato all'uscita) un duo musicale dal grande talento e dalle idee molto chiare. I francesi calcano infatti i palchi da poco, circa un paio d'anni al tempo della pubblicazione del disco in questione (fine 2013), tuttavia dimostrano fin da subito di aver capito perfettamente come suonare grind odiernamente senza risultare eccessivamente derivativi o ripetitivi.

La "Nientificazione" si concretizza in venticinque minuti di musica selvaggia e senza fronzoli, in cui grossi riff spezzacollo si alternano di continuo con scariche di chitarra fulminee, in un connubio azzeccato e mai scontato. Merita un elogio solenne il lavoro di Max alla batteria, che traccia ritmi schizofrenici, riuscendo a dare un suono violento e aggressivo anche nei momenti in cui i blast beat si fanno più veloci e inafferrabili. Su di essi la sei corde di Nico crea cacofonie pregevolissime e — grazie al suo suono distorto, tagliente ma al tempo stesso voluminoso — fa dimenticare completamente l'assenza di un basso all'interno della formazione. La produzione è infatti perfetta (seppure si stia parlando di grind e pertanto di certo non "pulita") ed encomiabile il lavoro svolto dal duo francese, che ha registrato e missato il disco in proprio (e s'è poi avvalso dell'esperienza di Dan Swano in fase di mastering).

Data e assodata l'impossibilità di fare un'analisi traccia per traccia, il consiglio è di dare un ascolto a pezzi come "Apprends À Plaire" o "Millions Of Merits" per rendersi conto della qualità e della violenza di "Neantification", sebbene la mia personalissima preferenza vada a "Vivre D'Arnaque Et D'Eau Fraîche", brano destabilizzante grazie alle sue ritmiche psicotiche. C'è spazio anche per un accenno di post-hc in "Néant", per il fine citazionismo di "Route Bloody Route" e per le note stonate di un sax in chiusura con "Rondelle"

Disco senza alcun di tipo di compromesso, "Neantification" si rivela una delle uscite grind più convincenti dell'ultimo quinquennio.

Facebook Comments