WHOURKR – 4247 Snare Drums

 
Gruppo: Whourkr
Titolo:  4247 Snare Drums
Anno: 2012
Provenienza: Francia
Etichetta: Ad Noiseam
Contatti:

Facebook  Myspace

 
TRACKLIST

  1. Quadruple Plis De Peau (711 Snares Drums)
  2. Coiffer Un Ours (269 Snares Drums)
  3. Gastro-équestre (326 Snares Drums)
  4. Manger Du Beurre (395 Snares Drums)
  5. Pachyderm Catapult (367 Snares Drums)
  6. Petits Poneaux (349 Snares Drums)
  7. Ostina (628 Snares Drums)
  8. Maximum Speed Limit Monotone Snare Audition
  9. Polygroin (663 Snares Drums)
  10. Arithmetic Punishment (539 Snares Drums)
  11. Gastro-équestre [remix Ruby My Dea]
DURATA: 32:38
 

Siete integralisti del death? Uscite da questa pagina. Gli inserti di stampo elettronico sono per voi insopportabili? Uscite da questa pagina. Gli Anaal Nathrakh vi stanno sui maroni? Stessa tiritera.

Perché mettere le cose in chiaro sin da subito? Perché chi conosce personaggi come Igorrr (Gautier Serre) e ha ascoltato lavori della sua realtà omonima saprà che è anche un appassionato di breakcore e il suo amore per la tecnologia e l'elettronica in quell'ambito esaltato viene riversato anche in progetti quali gli Öxxö Xööx di Laurent Lunoir e non per ultimo nei Whourkr.

Quest'ultima creatura è giunta alla terza release intitolata "4247 Snare Drums", un assalto all'arma bianca, un platter dalla durata contenuta, in totale supera di poco la mezzora complessiva, che martella ferocemente, che imbastardito dai costanti segmenti elettronici che s'incastrano nelle partiture death-grind rende l'atmosfera a metà fra l'industriale e il ballabile da schizofrenici. Il tutto è eseguito, sviluppato e rappresentato con una visione particolarmente odierna, concepito quindi per affascinare coloro che hanno il desiderio di far convivere l'estremo del mondo death primordiale con l'evoluzione del sound dei giorni nostri, calata però in una visione decisamente distante da quanto già sentito.

A molti verrà difficile anche il solo accostarsi a questo tipo di disco, tenendo conto che la parte zozza e putrida rimane ad esempio intatta nella sezione vocale a cura di Mulk (Abrupt, Blue Herps, Mulk, Sedative), uno che fra death, grind e brutal ci sguazza. L'unica eccezione è rappresentata da "Ostina" nella quale però la follia di Öxxö Xööx e un inserto organistico di stampo ritualistico ci lasciano lo zampino, mentre brani quali "Gastro-équestre" e "Arithmetic Punishment" mettono in risalto le qualità compositive e la capacità di martellare e diversificare il sound, una vena sclerotica enfatizzata dal sax è inserita in canzoni come "Maximum Speed Limit Monotone Snare Audition" e "Polygroin". In "Mangeur De Beurre" poi mi pare ci sia, e non troppo velata, una citazione della colonna sonora di "Super Mario"… Se si ricercasse un grado d'instabilità e devastazione dall'alto tasso di adrenalina un'occasione simile sarebbe da acchiappare al volo.

Tanti «se»: se non si è proprio rinchiusi fra le mura degli ascolti old school una possibilità a "4247 Snare Drums" sarebbe da offrire; se invece siete appassionati delle sperimentazioni e del metal che guarda avanti" l'opera vi sarà gradita e il remix di "Gastro-équestre" potrebbe divertirvi e conquistarvi, decidete adesso a quale dei «se» corrisponde la vostra di voglia.

Facebook Comments