WIDOWS – Oh Deer God

 
Gruppo: Widows
Titolo: Oh Deer God
Anno: 2017
Provenienza: Regno Unito
Etichetta: UMC Recordings
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Oh Deer God
  2. Caffeine And Hatred
  3. Heresy And Venom
  4. Blue Tina
  5. Ride To The Realm Of Coitus
  6. Baron Greenback Blues
  7. Germanium Buzz
DURATA: 29:15
 

Avevamo già incrociato gli inglesi Widows qualche anno fa (lasciarono una buona impressione al nostro Mourning), quindi eravamo sicuramente curiosi di vedere dove sarebbero arrivati con il loro ultimo disco, che uscirà nell'aprile 2017, a cinque anni di distanza e preceduto nel 2015 dal singolo "Blue Tina".

A parte il bellissimo titolo dell'album, giustamente raffigurato in copertina come una divinità dalle otto braccia, il quartetto di Nottingham mette qui subito in chiaro le coordinate musicali di riferimento: alcool, bong, misticismo e tanto fuzz. Anche scorrendo la scaletta, possiamo notare di trovarci in pieno ambito stoner goliardico, con titoli come "Caffeine And Hatred" oppure "Ride To The Realm Of Coitus", e questa impressione viene confermata con l'ascolto.

Ho assaporato questo disco per la prima volta in macchina e sembra essere decisamente adatto. La traccia che porta il titolo dell'album ci accoglie con riffoni molto potenti alla Clutch e voce sporca da scena paludosa della Louisiana; effettivamente, al primo impatto si potrebbe credere di trovarsi di fronte a un gruppo americano. Tuttavia, con l'improvvisa accelerazione di "Caffeine And Hatred" (un treno spaccaossa di un minuto circa) i quattro Widows si dimostrano più che aperti alle contaminazioni con forme anche più estreme, oltre che perfettamente in controllo della loro cornuta creatura. Trovano spazio anche begli assoli di chitarra ad esempio nella massiccia "Ride To The Realm Of Coitus", che si spinge fino ai momenti più lenti e gravi dell'intero album prima di recuperare con lo sprone della batteria nel gran finale. In sostanza, il disco è molto più marcio del precedente, come sottolineato anche dal chitarrista James Kidd, che guarda anche a elementi di Electric Wizard e Kyuss.

Per i fan del genere, la durata contenuta (meno di trenta minuti in totale) potrebbe essere vista come un lato negativo, ma probabilmente indica la volontà del quartetto di non esagerare, per concentrarsi piuttosto sul materiale più consistente. Oltre a sfornare ottima musica da autostrada senza ritegno, il nome Widows incarna da sempre anche una grossa dedizione alle esibizioni dal vivo (in giro per il Regno Unito). L'uscita ufficiale di "Oh Deer God" è segnata per il 14 aprile al Rough Trade di Nottingham, e chissà che in seguito la band non si imbarchi in un tour anche nel resto del continente.

Facebook Comments