WILDERNESSKING – Mystical Future

 
Gruppo: Wildernessking
Titolo: Mystical Future
Anno: 2016
Provenienza: Sudafrica
Etichetta: Les Acteurs De L'Ombre Productions
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Soundcloud  Youtube  Bandcamp  Last.fm

 
TRACKLIST

  1. White Horses
  2. I Will Go To Your Tomb
  3. To Transcend
  4. With Arms Like Wands
  5. If You Leave
DURATA: 42:53
 

La musica unisce e non esiste ormai angolo remoto del nostro pianeta dal quale non fuoriescano sonorità metal. Il Sudafrica non fa certo eccezione e ce lo dimostra infatti quanto prodotto ad esempio dai Wildernessking. La formazione di Cape Town è in giro dal 2011 e ha pubblicato l'album "The Writing Of Gods In The Sand" nel 2012, gli ep "…And The Night Swept Us Away" (2012) e "The Devil Within" (2014) e gli split "Elemental Nightmares – I" e "Volume I" (nel 2014). Nel 2016 ha rilasciato la propria seconda uscita di lunga durata intitolata "Mystical Future", lavoro confezionato in versione vinilica dalla Sick Man Getting Sick Records, in cassetta dalla Monotonstudio Records e in cd dalla Les Acteurs De l'Ombre Productions. Quest'ultimo è il formato in mio possesso.

Il post-black metal del quale è fautore il quartetto composto da Jesse Navarre Vos (chitarra), Dylan Viljoen (chitarra), Jason Jardim (batteria) e Keenan Nathan Oakes (basso e voce) propone asperità, melodie dolciastre e composizioni eteree a cavallo fra il filone statunitense, prendete come esempio la «Cascadian Black Metal Scene», e quello europeo alla Alcest. Attingendo da entrambe le fonti, imprime un carattere ribelle e volitivo, acquietato da aperture sognanti, a "White Horses" e "I Will Go To Your Tomb", mentre infonde placida calma ambientale a "To Transcend" e si limita a una fine canonicità in "With Arms Like Wands". L'incedere di "If You Leave" invece è scandito da montagne russe emotive e nella prima parte viene splendidamente impreziosito dalla voce femminile di Alexandra Morte.

Nel complesso "Mystical Future" è un buon album e potrebbe quindi rappresentare una gradita e inattesa sorpresa per gli appassionati di black atmosferico e sonorità post-; motivo per cui dovrebbero cogliere l'opportunità di far loro questo lavoro, che dimostra con i fatti quanto i Wildernessking siano qualitativamente validi e non poi così distante dal poter rivaleggiare con colleghi ben più noti e navigati.

Facebook Comments