WINTER GRIEF – Руины Сознания

 
Gruppo: Winter Grief
Titolo: Руины Сознания
Anno: 2009
Provenienza: Russia
Etichetta: Satanarsa Records
Contatti:

Sito web  Myspace

 
TRACKLIST

  1. Руины Сознания
  2. Одиночество
DURATA: 25:08
 

Per descrivere quasi totalmente il seguente demo, potrei rimandarvi senza esitazioni alla recensione dei Burial Mist, di cui vi ho parlato di recente. A quel punto basterebbe cambiare il nome della band in Winter Grief e quello del deus ex machina in Eligor, mantenendo però la stessa collocazione geografica (Russia) ed etichetta (Satanarsa Records).

Parliamo sempre di black metal grezzo e di brani estremamente prolungati a livello di durata, "Руины Сознания" si muove per poco meno di venti minuti, sostenuta da un riffing estremamente semplificato e ripetitivo, una drum machine dai suoni rivedibili, che nelle accelerazioni più furiose e mal inserite nel contesto sembra più adatta a un brano grind, e uno screaming molto filtrato e ancora da centrare appieno. Giunti a metà traccia, fa la sua comparsa un momento pianistico piuttosto semplice che occupa l'intera scena, cercando di accentuare sensazioni malinconiche, per poi farsi da parte per il riemergere del canovaccio precedente. L'intero brano più che una composizione a sè stante dà l'idea di essere una sorta di lunga sessione in studio di registrazione, dove le stesse identiche parti strumentali sono state provate e riprovate più volte di seguito. L'approccio emotivo dai toni freddi e tristi prosegue anche nella seconda "Одиночество", ma questa volta sono i sintetizzatori a essere protagonisti.

A conti fatti per questo demo valgono le medesime considerazioni già proposte per Burial Mist: il lavoro da fare per Eligor è molto, il livello qualitativo raggiunto insufficiente rispetto a un panorama sempre ricco di nuove proposte. A giudicare però da quel prezioso strumento che è Myspace (nonostante l'ignobile versione più recente), anche in questo caso dei passi avanti sono stati compiuti e "Скорбь Зимних Лесов", uscito a inizio 2010, ne è già testimone.

Facebook Comments