WITCHDEN – Consulting The Bones

WITCHDEN – Consulting The Bones

Informazioni
Gruppo: Witchden
Titolo: Consulting The Bones
Anno: 2012
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: Autoprodotto
Contatti: facebook.com/pages/Witchden/143411012346203
Autore: Mourning

Tracklist
1. Time To Burn
2. Captive Man
3. Ossuary
4. All Just A Lie
5. Words Of Man
6. If Hell Awaits
7. System Link
8. Kill At Will
9. Sharp Sword

DURATA: 44:12

WITCHDEN - Consulting The Bones Witchden? E chi sono? Il nome non è ancora notissimo ma è di quelli da tenere d’occhio.
Il quartetto di Minneapolis composto da Jason Micah (voce), Adam Rivkin (chitarra), Andy Green (basso e scream) e Jeff Moen (batteria) si presenta con il primo disco autoprodotto “Consulting The Bones” che s’inserisce nel filone stoner/sludge, preparatevi quindi a prendere una bella legnata groove ricca di fumi e di pesantezza scandita da sonorità viscerali e rabbiose.
Nove sono le tracce che il combo snocciola nei quasi trequarti d’ora del platter, fondono la più classica delle visioni metalliche del genere con una sequela di riffing dall’appeal influenzato dal punk e dal rock, ciò che ne deriva è un maggiore coinvolgimento nei frangenti più ritmati, lasciando che siano le dilatazioni grevi e profonde a scavare dei veri e propri solchi nell’animo dell’ascoltatore.
La proposta è tanto conosciuta quanto bella, è inutile negare che ormai questo tipo di sonorità venga esplorato con una certa continuità e con più che discreti risultati, è altrettanto innegabile che i Witchden propongano un’esecuzione sincera e infervorata. Il saper dosare l’alternanza e l’esplosione differenziata dei due generi in modo da farli divenire un’unica massa rotolante e coinvolgente non è cosa delle più semplici e affossare nel baratro del prevedibile oltre che del poco funzionale è un pericolo che si cela sempre dietro l’angolo.
La fortuna del combo statunitense sta nel fatto che i brani suonino e si sviluppino in maniera molto umorale, non possiedono una forma del tutto “standard”, ciò fa sì che “Time To Burn” come “Ossuary”, “All Just Lie” quanto “If Hell Awaits”, e così via dicendo, abbiano in dote la qualità di “miscela” superiore e con un’aggiunta di vigorosi spasmi che le elevano a dispetto delle altre rimanenti, però ben al di sopra della media.
Musicalmente e formalmente sia per quanto riguarda l’esecuzione dei pezzi ben fatta e coadiuvata da un’ottima espressività vocale del duo Jason/Andy, sia per ciò che concerne l’ambito legato alla produzione, “Consulting The Bones” è pronto per affrontare la sfida e raccogliere le impressioni di chi si cimenterà nell’ascolto.
Consiglio ai fruitori abituali di stoner/sludge di farsi un giro sulla pagina Bandcamp dei Witchden e tenere in considerazione questa formazione, seppur alla prima prova s’intravedono le basi per un futuro di buonissimo livello, seguiteli.

Facebook Comments