WITCHFYNDE – Divine Victims: The Witchfynde Albums 1980-1983

 
Gruppo: Witchfynde
Titolo: Divine Victims: The Witchfynde Albums 1980-1983
Anno: 2017
Provenienza: Gran Bretagna
Etichetta: Hear No Evil Recordings
Contatti:

Sito web  Facebook  Myspace

 
TRACKLIST GIVE'EM HELL

  1. Ready To Roll
  2. The Divine Victim
  3. Leaving Nadir
  4. Gettin' Heavy
  5. Give'em Hell
  6. Unto The Ages Of The Ages
  7. Pay Now – Love Later
  8. The Devil's Gallop [traccia bonus]
  9. Tetelestai [traccia bonus]
  10. Wake Up Screaming [b-side dal 7" Ep "In The Stars"]
 
TRACKLIST STAGEFRIGHT

  1. Stagefright
  2. Doing The Right Thing
  3. Would Not Be Seen Dead In Heaven
  4. Wake Up Screaming
  5. Big Deal
  6. Moon Magic
  7. In The Stars
  8. Trick Or Treat
  9. Madeline
  10. Give'em Hell [dal BBC Friday Night Rock Show, 21/1/1981]
  11. Gettin' Heavy [dal BBC Friday Night Rock Show, 21/1/1981]
  12. Belfast [dal BBC Friday Night Rock Show, 21/1/1981]
  13. Moon Magic [dal BBC Friday Night Rock Show, 21/1/1981]
 
TRACKLIST CLOAK & DAGGER

  1. The Devil's Playground
  2. Crystal Gazing
  3. I'd Rather Go Wild
  4. Somewhere To Hide
  5. Cloak And Dagger
  6. Cry Wolf
  7. Start Counting
  8. Living For Memories
  9. Rock & Roll
  10. Stay Away
  11. Fra Diabolo
DURATA: 146:51
 

Alcuni musicisti, tanti sogni, difficoltà iniziali, contratto, disco, primi litigi, cambiamenti di formazione, deviazione dallo stile iniziale, altri litigi, fallimento: questa è una scaletta conosciuta ancora oggi. Ed è  anche la storia dei Witchfynde, raccontata dai tre CD della raccolta "Divine Victims: The Witchfynde Albums 1980-1983", con annesso libercolo di gran valore informativo e presentata in una bella confezione.

Molti non lo sanno, ma i Witchfynde mossero i loro primi passi già nella prima metà degli Anni Settanta. Le canzoni c'erano, qualche fan anche, ma le etichette sbattevano loro le porte in faccia. Fu la riflessione sul modus operandi dei Def Leppard a spingerli ad assumere un'attitudine DIY. Nel 1980 uscì così lo storico ma sottovalutato "Give'em Hell". Anche la NWOBHM contribuì forse a dare a questo gruppo Heavy-Doom una piccola spinta verso una solida fama locale.

Abbagliata dai successi altrui, la band decise poi di intraprendere con il secondo lavoro "Stagefright" un cammino più melodico e commerciale, tentando poi di tornare sui suoi passi con "Cloak & Dagger". Ciò provocò discussioni interne che sfociarono in cambiamenti di formazione. Un contratto duraturo avrebbe potuto migliorare la situazione, ma non quando la casa discografica, a insaputa dei musicisti, aveva un bilancio finanziario molto barcollante. Decisioni politiche a livello manageriale, ancor più dispute, l'ultimo disco accolto in maniera controversa dalla critica, promozione insufficiente e voilà: la frittata era fatta, la fine irreversibile.

La raccolta "Divine Victims" vi permette di gustare a modico prezzo i primi tre lavori dei Witchfynde, un gruppo nato dall'interesse nei confronti dell'occultismo musicale. Le tracce bonus registrate alla BBC non sono solo un prezioso documento storico, ma danno anche un'idea della leggendaria energia sprigionata in sede live.

Facebook Comments