xBARNEYx / WHORIFIK / VOMITOUS DISCHARGE – Split Album

xBARNEYx / WHORIFIK / VOMITOUS DISCHARGE – Split Album

Informazioni
Gruppo: xBarneyx / Whorifik / Vomitous Discharge
Anno: 2007
Etichetta: Vomit Bucket Productions
Autore: Advent

Tracklist
xBarneyx
1. Hardcore Dancing
2. Condol
3. A Vida Na Terra Chora!
4. Squeezed Cephalus
5. The Pain That Cause Panic
6. You Suffer
7. Atheroscelerosis
8. Thoughts of the Beyond
9. In Cum We Trust
10. The Origin Of This Slaughter
11. Shut The Fuck Up Kids
12. Into The Grind
13. Wrgggggggrkyyyyyyyyy!!!
Whorifik
14. As You Enter
15. Marching
16. Atrocious Noise ‘n’ Roll
17. Maniac Aliendolls Invasion
18. Analrapecore
19. Back Home
Vomitous Discharge
20. Self-Control
21. Peace
22. Kindness
23. Joy
24. Faith
25. Meekness
26. Goodness
27. Long-Suffering
28. Love
29. The Vomitous Discharge Pt. IV
30. Holy Hypocrisy

DURATA: 36:10

Split a tre, trentasei minuti formati da chiasso, chiasso e grindcore decente, un’altra produzione della Vomit Bucket Productions, annata 2007.
Il primo progetto si chiama xBarneyx, è l’esempio di uno schifoso cybergrind, ridicolo quanto pessimo, fin dalle prime “canzoni” viene da chiedersi innanzitutto perchè ancora si suoni questa merda e soprattutto perchè si decida di rilasciare uno split con band del genere. Non rovinerebbe tutto? Non c’è nemmeno da stare a descrivere le porcate affiancate a stupidi breakdowns, un’accozzaglia di cacofonie uscite indovinate da dove.
Dopo questa incursione cyber ne arriva un’altra di harsh noise fusa ad altro noisegrind, i Whorifik, una band che molti troveranno ripugnante ma che in realtà per cosa dichiara di proporre è coerente. L’ascolto delle prime due band è stancante e si fa trascinare con parecchia difficoltà, causa un song-writing acerbo ai limiti dell’ignoranza che disgusta soporificamente l’ascoltatore. Un gas che sarebbe stato meglio non respirare.
Fortuna che c’è Gag (membro dei Pesticides) con il suo progetto Vomitous Discharge che solleva un po’ la situazione. Abbiamo già discusso di questo musicista/produttore in altri pezzi della webzine, in sintesi il suo è un goregrind valido quanto rozzo, influenzato alla radice da band note ad ogni grinder che si rispetti come Rot, Warsore, God e Ulcerrhoea.
Il tutto viene suonato con aggressività e marciume adeguato, anche se a tratti l’ascolto risente di una produzione mediocre e un po’ scadente. Titoli come “Faith”, “Joy”, “Godness”, e “Love” lasciano intuire una vena cristiana stranamente conciliata con un genere solito al fetidume. Sicuramente questa terza parte dello split risulta la più ascoltabile, tuttavia raggiunge una sufficienza esigente di miglioramenti consistenti.

Facebook Comments