ZAIBATSU – Zero

 
Gruppo: Zaibatsu
Titolo: Zero
Anno: 2015
Provenienza: Italia
Etichetta: Killerpool Records
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Plastic Machine Head
  2. Oppenhaimer's Sister
  3. Chemtrails
  4. Mantra 3P
  5. Pirates
  6. Gnomes
  7. Technocracy
  8. Abac
  9. Starless
  10. Collateral Language
DURATA: 40:55
 

Si può avere all'orecchio un disco che raccolga quanto di meglio prodotto negli anni Novanta e nel periodo iniziale dei Duemila? La risposta è sì e ha per titolo "Zero". L'album di debutto dei nostrani Zaibatsu è un concentrato di rock devastante, un miscuglio di sonorità labirintiche e rumorose che si apre inaspettatamente alla melodia, ingurgitando gigantesche porzioni musicali di natura differente. È un dipinto nel quale stoner, noise, math, psichedelia e groove vengono condensati, emanando puro e salutare godimento. Potrei tirare fuori anche troppi nomi per identificare o collocare stilisticamente la proposta, tanto che inserirla all'interno di un genere-recinto è tutt'altro che semplice.

Il trio composto da Gabriele Di Pofi (chitarra e voce), Augusto Zanonzini (batteria) e Andrea Maceroni (basso e sintetizzatore) si muove agilmente fra più scene, attraversandole, saltandovi continuamente dentro e fuori e mostrandosi in grado di attrarre l'ascoltatore. Da esse estrae materia di prim'ordine, per modellarla e dare forma a situazioni dall'incisività atmosferica elevata ("Chemtrails", "Mantra 3P" e "Pirates"), soluzioni ritmico-dinamiche nevrotiche ("Oppenhaimer's Sister"), maggiormente groove ("Gnomes") e dannatamente ossessive ("Plastic Machine Head", "Technocracy" e "Abac").

In conclusione, gli Zaibatsu sono decisamente promettenti e "Zero" è il buonissimo esordio di una band della quale si dovrebbero attentamente seguire le mosse future.

Facebook Comments