Zolfo - Delusion Of Negation

ZOLFO – Delusion Of Negation

Gruppo:Zolfo
Titolo:Delusion Of Negation
Anno:2020
Provenienza:Italia
Etichetta:Spikerot Records
Contatti:Facebook  Bandcamp  Instagram  Spotify
TRACKLIST

  1. Neural Worm
  2. Inner Freeze
  3. Existential Prolapse
  4. Delusion Of Negation
  5. The Deepest Abyss
DURATA:48:56

Appena il tempo di riprenderci dal notevole Void Cult Rising dei Naga, che Spikerot Records dà alle stampe un altro macigno pregno di malessere, ossia il debutto dei pugliesi Zolfo: dopo essersi messi in mostra con il marcissimo EP Phosphene/Floaters nel 2017, è ora il turno del primo album vero e proprio.

I cinque baresi hanno le idee chiare — anzi, scurissime — sul da farsi, così come chiunque si approcci all’ascolto dovrebbe sapere cosa aspettarsi, già a partire dal nome scelto dai Nostri che rimanda subito a esalazioni malsane e giallastre. È proprio questa la sostanza di cui è fatto Delusion Of Negation: uno sludge-doom che puzza di scantinato e malvagità, quasi cinquanta minuti di riffoni granitici ma non solo. Eccezion fatta per la strumentale “Neural Worm”, opera dell’artista ambient-noise meanwhile.in.texas, i lunghi brani sono un’orgia di basse frequenze dal carattere lisergico, durante i quali gli Zolfo dimostrano di aver assimilato e fatto propri gli insegnamenti degli Electric Wizard più mefistofelici e degli Ufomammut.

Il nucleo di Delusion Of Negation è composto da sofferenza, apatia, decomposizione: pezzi come “Existential Prolapse”, il cui titolo è tutto un programma, prendono le nostre viscere e le stritolano senza alcuna pietà, mentre urla strazianti dall’oltretomba narrano di un’esistenza maledetta. L’abilità degli Zolfo sta anche nell’allentare la presa quando serve: l’andamento circolare e ondeggiante della title track ci trascina in uno stato di torpore profondo, cullato dal possente basso e dalle urla di Dave che qui si stagliano sullo sfondo dello spettro sonoro; tutto ciò accentua ulteriormente la brutalità con cui i nostri poveri timpani vengono risvegliati da badilate frontali che richiamano un po’ gentaglia quale i Primitive Man, con i riff e le ritmiche che risuonano come sentenze di morte.

Delusion Of Negation non è un semplice album di debutto. È un lavoro maturo e coeso che si ficca con prepotenza nel fitto sottobosco italico, confermando ancora una volta l’eccellente stato di salute del panorama underground nostrano. Non vediamo l’ora di incontrare gli Zolfo dal vivo, possibilmente in qualche putrido locale di periferia per vivere l’esperienza nel peggior modo possibile.

Facebook Comments