ZOMBIEFICATION – Procession Through Infestation

ZOMBIEFICATION – Procession Through Infestation

 
Gruppo: Zombiefication
Titolo: Procession Through Infestation
Anno: 2014
Provenienza: Messico
Etichetta: Doomentia Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Reverbnation  Myspace

 
TRACKLIST

  1. Procession
  2. The Never Ending Quest
  3. Possession
  4. Crossing The Rite
  5. Infestation
  6. The Divine Door
  7. Oppression
  8. The Blackest Light
DURATA: 44:31
 

Terzo disco per la realtà messicana degli Zombiefication, duo formato dal chitarrista-bassista Mr. Jacko (Jacobo Córdova, già mente dei Majestic Downfall) e dal cantante Mr. Hitchcock (Arturo Vargas, ex di Rapture e Inhearted), supportato nell'occasione da Mr. Kim (Markho Kim) dei connazionali Disgorge in qualità di chitarrista solista e ancora una volta da Mr. Hammer (Fernando Nieto Jasso) dietro le pelli. Dopo aver dimostrato con i primi due album, "Midnight Stench" (2010) e "At The Caves Of Eternal" (2013), di essere in grado di proporre una buonissima mistura di death metal vecchia scuola di stile scandinavo e malevolenza putrida statunitense, il gruppo tira fuori un nuovo lavoro che conferma quanto di piacevole esposto in precedenza e al tempo stesso denota una leggera maturazione ed evoluzione della composizione.

"Procession Through Infestation" risulta essere più opprimente e subdolo di quanto prodotto nel recente passato, le scanalature fangose e il putridume hanno un peso più rilevante all'interno dei brani, inoltre c'è la sensazione che il suono si sia ulteriormente annerito. Si tratta sempre di una creatura che vive e si agita all'interno delle torbide acque della scena old school, quindi non ci sono tracce di compromessi commerciali né chissà quali cambi di stile insensati.

I pezzi fanno della propria natura datata, anche se rivitalizzata da una varietà di aperture e modifiche al tipo di cattiveria esposta, una forza trascinante e non poi così scontata. Prendete in considerazione a esempio il trittico di episodi posto in zona centrale composto da "Possession", "Crossing The Rite" e "Infestation": in queste canzoni l'atteggiamento luttuoso e marcescente del death viene generato utilizzando di volta in volta una componente contraddistintiva differente, capace di regalare attimi di pura spietatezza, assumere connotazioni dal sapore doom sprofondanti in territori in cui è la putrefazione a regnare sovrana o avvolgere in un'atmosfera nebulosa e stranamente invasa da melodie di chitarra disturbate e a tratti malinconico-depressive.

"Procession Through Infestation" è un gran bel disco, pur se probabilmente si sarebbero potute limare un paio di lungaggini in "Infestation" e "The Blackest Light", ma il lavoro svolto dagli Zombiefication ne risente davvero poco. La prestazione strumentale è piuttosto efficiente, al suo interno spicca la prova dietro al microfono decisamente convincente di Mr. Hitch, una sorta di L.G. Petrov che incontra Chris Reifert e in alcuni frangenti più striduli King Fowley, mentre la produzione svoltasi presso i Morbosus Studio di Tore Stjerna ha inspessito e imbastardito il suono, dando una marcia in più; basso compreso, che spicca in una sezione ritmica pressoché ideale e che mi fa godere parecchio.

I messicani erano già una formazione affidabile, adesso più che mai rivendicano un posticino — anche all'ombra — nella vostra collezione. Magari non saranno una prima scelta, tuttavia non credo che per gli appassionati sia particolarmente difficile trovare la voglia di dedicare loro tale riguardo, così com'è certo che sia le atmosfere che la musica contenute nell'album — per quanto note — abbiano da dire qualcosa. Non vi resta quindi che ascoltare "Procession Through Infestation" e magari mettere mano al portafoglio.

Facebook Comments