FORMIS – Chaozium

 
Gruppo: Formis
Titolo: Chaozium
Anno: 2017
Provenienza: Polonia
Etichetta: Defense Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Youtube  Bandcamp  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Arcanum
  2. Skaven
  3. Alchemizer
  4. Fornelius
  5. Epigon
  6. Silurian
  7. Haeresis
  8. Luminescent
  9. Chaozium  
DURATA: 29:22
 

I Formis: uhm, beh, mah… perché iniziare una recensione con così tanta indecisione? La formazione polacca è giunta al terzo album, dopo due prove più che soddisfacenti ("Perfect Excuse" nel 2010 e "Mental Survival" nel 2014), perciò mi sarei atteso un ulteriore passo in avanti con "Chaozium", che purtroppo non è stato compiuto.

Intendiamoci: il quintetto non ha proprio nulla da farsi perdonare, la prestazione death-thrash fornita è piacevolissima e in grado di avvalersi sia della componente muscolare del genere quanto di quella atmosferica, aumentando le tonalità scure al proprio interno in maniera ben strutturata. Si viaggia su ritmi decisi e prestanti, fortificati dalla scelta di mantenere un minutaggio per ciascun pezzo mai troppo elevato, soluzione che permette di evitare i momenti di vuoto. Sfortunatamente emergono tanti e forti nomi e paragoni dall'ascolto, divenendo uno dei grossi limiti di un album incapace di mettere in mostra qualcosa anche solo lontanamente definibile personale; a meno che non si voglia considerare tale il cantato in lingua madre.

I Formis martellano con cognizione di causa in "Chaozium", come dimostrano in modo innegabile le più che buone "Skaven", "Alchemizer", "Epigon", "Silurian" e la traccia che porta il titolo dell'opera. Inoltre hanno usufruito anche di alcuni ospiti: Dariusz Kupis (Frontside e One Shot Eye) in "Haeresis", Przemysław Latacz (Planet Hell ed ex The No-Mads) in "Epigon" e Krzysztof Michalak (Infernal War e Call Ov Unearthly) in "Skaven".

In definitiva, pur non sfondando praticamente mai il muro del già sentito, la band ci consegna mezz'ora di musica che si fa apprezzare. L'acquisizione di quel quid che faccia davvero la differenza è però rimandata a data — o se preferite pubblicazione — da destinarsi.

Facebook Comments