Mrs. Piss - Self-Surgery

MRS. PISS – Self-Surgery

Gruppo:Mrs. Piss
Titolo:Self-Surgery
Anno:2020
Provenienza:U.S.A.
Etichetta:Sargent House
Contatti:Facebook  Bandcamp  Instagram  Spotify
TRACKLIST

  1. To Crawl Inside
  2. Downer Surrounded By Uppers
  3. Knelt
  4. Nobody Wants To Party With Us
  5. M.B.O.T.W.O.
  6. You Took Everything
  7. Self-Surgery
  8. Mrs. Piss
DURATA:18:46

Che il mondo abbia bisogno del femminismo è lampante. Che il mondo abbia ancora bisogno delle Riot Grrrl, movimento musico-culturale di matrice punk e squisitamente novantiana, forse è un’urgenza sottovalutata persino in ambito alternativo. Di esempi virtuosi ce ne sono (Lingua Ignota, per fare il nome di una degna erede in ambito estremo), eppure quando ho ascoltato Self-Surgery nel mio cuore si sono avvicendati entusiasmo e rammarico. Di dischi così, lo anticipo, ne andrebbero cotti a profusione. Il lavoro è frutto di due musiciste eccelse: l’indispensabile Chelsea Wolfe in compagnia della sua vecchia conoscenza Jess Gowrie, unite in un tag-team anti-fallocrate sotto il nome di Mrs. Piss.

Ridurre Self-Surgery a manifesto d’intenti, tuttavia, distaccherebbe l’ascoltatore da buona parte della sua grottesca bellezza. L’album, anticipato dal doppio singolo “Downer Surrounded By Uppers”-“Knelt”, incanala le competenze di due artiste poliedriche in una manciata di tracce inviperite e angoscianti. L’ascoltatore addomesticato dai lavori di Wolfe ben (ri)conoscerà la peculiare sonorità ariosa e angosciante, che qui si innesta sulla più vigorosa delle attitudini punk. In effetti il progetto Mrs. Piss nasce in parallelo all’album di Wolfe Hiss Spun, del 2017, dalla riscoperta personale-lavorativa tra le due musiciste nonché delle correnti alternative di trent’anni (!) fa.

Così l’idea si è fatta disco, e si è fatta disco buono. Gli otto brani, tutti piuttosto brevi, sono incisivi, coerenti, personali, sentiti: definizioni certo sdoganate, ma se presterete venti minuti scarsi all’ascolto di quest’album difficilmente non vi baleneranno in testa. Arduo, invece, individuare i punti più meritevoli, proprio in virtù della forte coesione mantenuta attraverso tutti i frammenti, affilati come bisturi. Le dichiarazioni di Wolfe e Gowrie fanno ben sperare che l’autochirurgia non sia stata un caso isolato, ma che nei prossimi anni possa diventare una realtà consolidata e coinvolgere ulteriori donne della scena artistica alternativa. Ah, la copertina si trova in due versioni: una è castigata, l’altra è quella che inchiostra l’anima vera della Signora Piscia. Qualche dubbio sulla nostra scelta?

Facebook Comments