NANOWAR OF STEEL – Stairway To Valhalla

Gruppo:Nanowar Of Steel
Titolo:Stairway To Valhalla
Anno:2018
Provenienza:Italia
Etichetta:Autoprodotto
Contatti:Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Bandcamp  Spotify
TRACKLIST

  1. Declination
  2. Barbie, MILF Princess Of The Twilight
  3. Call Of Cthulhu
  4. Heavy Metal Kibbles
  5. Il Maestro Myagi Di Pino
  6. L’Opelatole Ecologico
  7. Images And Swords
  8. In The Sky
  9. … And Then I Noticed That She Was A Gargoyle
  10. Tooth Fairy
  11. Vegan Velociraptor
  12. Another Drill In The Wall
  13. Ironmonger (The Copier Of The Seven Keys)
  14. Bum Voyage
  15. Uranus
  16. The Crown And The Onion Ring
  17. The Quest For Carrefour
  18. Hail To Liechtenstein
DURATA:59:56

Sono fortemente in difficoltà nel parlare di un disco parodistico: perché, parliamoci chiaro, con che serietà potrei mai descrivere l’aulicità stilistica dei testi, o la ricercatezza delle melodie? Quindi no, per questa volta lo spirito Aristocratico che ci segna tutti sarà abbandonato, in favore di qualcosa di più semplice: il cazzeggio. In fondo Stairway To Valhalla non può essere preso in altra maniera, pur rivelandosi tecnicamente un album maturo.

Oddio, parlare di maturità in questi casi fa piuttosto ridere, obiettivo che i Nanowar Of Steel raggiungono senza problemi con praticamente ognuno dei brani. Certo, “Barbie, MILF Princess Of The Twilight” con Fabio Lione è decisamente il punto più alto, musicalmente e ironicamente, ma è inevitabile che l’effetto sia ripetuto anche per gli altri pezzi. Come nel caso di “Call Of Cthulhu”, devastante rilettura del nostro Grande Antico preferito, la serratissima “Heavy Metal Kibbles”, la dissacrante e scientifica “Uranus”, o perfino la divertentissima spiegazione di “Images And Swords” che è assolutamente innegabile. Il repertorio del nostro bel gruppo prende a piene mani da hard rock, heavy metal, power metal e perfino dal bellissimo musical Hair: insomma, Gatto Panceri 666 e soci non solo sono riusciti a riproporre la propria verve satirica e fuori di testa, ma hanno mescolato capisaldi della musica in maniera sopraffina; mi permetto di dire, più che in passato.

Non manca qualche momento meno ispirato, com’è giusto che sia in un disco che contiene ben diciotto brani, anche se forse dovrei direi fin troppo carico di rimandi e riferimenti: un caso è “Vegan Velociraptor”, canzone divertentissima con un ritornello che vi rimarrà in testa per sempre, ma che sonoramente soverchia un po’ per il troppo testo. Alla fine parliamo di cercare il pelo nell’uovo: analizzando Stairway To Valhalla, non c’è un aspetto che non sia stato curato o che non risulti adatto allo scopo. Perfino le conclusive “The Quest For Carrefour” e “Hail To Liechtenstein” danno il colpo di grazia finale, immortalando tutti i componenti del gruppo come musicisti poliedrici ed estremamente talentuosi: la prima è un grande tributo ai Blind Guardian, con una simpatica interpretazione di Hansi (davvero, complimenti a Potowotominimak e a Mister Baffo); la seconda invece in compagnia di Alessandro Del Vecchio. Piccolo elogio anche al digipak in cui è contenuto il disco, disegnato da Potowotominimak e davvero molto piacevole da vedere.

Bravi ragazzi, siete più che meritevoli della nomina di “Sottosegretari alla presidenza della repubblica del Truemetal”.

Facebook Comments