深山 (DEEP MOUNTAINS) – 深山 (Deep Mountains)

 
Gruppo: Deep Mountains
Titolo:  Deep Mountains
Anno: 2010
Provenienza: Shandong, Cina
Etichetta: Pest Productions
Contatti: Bandcamp
 
TRACKLIST

  1. 序曲·思雨 (Overture – Desiderare La Pioggia)
  2. 山魂 (L’Anima Della Montagna)
  3. 远山 (Monti Lontani)
  4. 松林赋 (Ode Ai Pini)
  5. 夜之蔓延 (L’Estendersi Della Notte)
  6. 天葬[Bonus] (Sepoltura Celeste)
DURATA: 44:21
 

Tra i nomi più in vista del panorama metal degli ultimi quindici anni, è difficile non menzionare gli Agalloch. Formazione insolitamente nordamericana per l'epoca e gli stili di riferimento, che ha man mano esteso la propria influenza in tutto il mondo e in più di un genere. Sono tanti i progetti che per un motivo o per un altro hanno da ringraziare il quartetto di Portland, Oregon: vengono in mente The Morningside, Gallowbraid, Fen e tantissimi altri.

Il caso più curioso è secondo me la band cinese 深山 (shēnshān, che usa come nome internazionale Deep Mountains), originaria dello Shandong e attualmente sotto contratto con la più grande etichetta metal indipendente in Cina, la Pest Productions. Gli 深山 hanno pubblicato il loro primo EP, omonimo, nel 2010, e hanno rapidamente raccolto giudizi positivi sulla propria opera. Ciò che rende particolare la proposta è il ritorno a una corrente di pensiero riconoscibilmente cinese quale è il taoismo, come se quest'ultimo fosse rientrato nel discorso locale usando come veicolo uno strumento straniero come il black metal.

La città in cui si è formato il gruppo è Tai'an, nota per la sua vicinanza al monte Tai, una delle montagne sacre della religione taoista. La copertina del disco è il dipinto di un paesaggio montuoso con la tecnica tradizionale a inchiostro nero, il nome della band è scritto in corsivo proprio alla maniera delle opere di calligrafia sui rotoli tradizionali. Anche gli 深山 propongono un black metal molto variegato, con elementi folk, rallentamenti, influenze post-rock, a dimostrazione che hanno ascoltato bene le loro controparti straniere. I testi sono tutti cantati in cinese e pongono l'accento sugli scenari naturali dell'area, come in questi versi tratti da 松林賦 ("Ode Ai Pini"): "归鸟唱晚,夜风微寒,泰山北麓,松林黑暗,魂游山间,不觉影单" ("Gli uccelli cantano fino a sera, il vento notturno [soffia] freddo, sul versante settentrionale del monte Tai, all'ombra del bosco di pini, l'anima viaggia attraverso la montagna, non consapevole della solitudine").

Per quanto l'influenza del sound agallochiano (e derivati) sia innegabile ed evidente, siamo tuttavia di fronte a uno dei dischi più interessanti della crescente scena black metal cinese. La maggiore influenza locale, invece, è probabilmente Zuriaake, il nome all'origine del suono black metal cinese (decisamente più vicino al depressive). La differenza, in questo caso, è che il paesaggio è più portatore di grandeur spirituale che teatro di dolorose riflessioni (che comunque non mancano). Pur trattandosi del primo EP — ascoltabile e acquistabile su Bandcamp — "深山" è un lavoro già abbastanza maturo e personale, che lascia presagire buone cose per il futuro.

Il gruppo è attualmente al lavoro sul primo LP che, stando alla Pest Productions, dovrebbe essere pubblicato nella seconda metà di quest'anno, naturalmente saremo pronti a parlarvene non appena sarà possibile.

Facebook Comments